MessinaWebTv

La tua WebTv

Cari Terroni…

Sabato 30 ottobre, presso il Salone delle Bandiere di palazzo Zanca, ha avuto luogo la presentazione del libro del giornalista e scrittore Pino Aprile “Terroni”.

Il confronto fra il nord e il sud d’Italia viene affrontato ancora una volta con una nuova chiave di lettura che mira a risvegliare soprattutto nei giovani un più vigoroso senso di appartenenza. L’incontro è stato organizzato da Demetra, associazione culturale meridionalista senza scopo di lucro. L’autore si è prestato ad un incontro aperto al dialogo e al confronto sul tema oggetto del suo libro. Il divario fra nord e sud non è sempre esistito; “Terroni” racconta ciò che i libri di storia hanno taciuto e affronta l’argomento con la violenza di uno schiaffo che porta con sé tutta la forza del meridione. Dietro la realtà contemporanea si celano anni di lotte, tutto ciò che gli italiani hanno fatto affinché gli italiani del sud diventassero “meridionali” viene scritto da Pino Aprile in quello che viene definito un “urlo di dolore”. Non si tratta di una semplice lettura di piacere ma di un monito che spinge a porre nuove domande.
Perché dopo 150 anni di Unità italiana Nord e Sud sono ancora così distanti? Non sarà forse che manca di base la volontà di riunirli? “Non più autonomia ma sovranità” recita il volantino della giornata di sabato. Ma se di unità si vuole parlare forse bisogna cominciare proprio dall’eliminazione di qualche parola come meridionalismo o terroni. Bisogna cominciare a parlare di Italia e non più di Nord e Sud.

Stampa Stampa

Commenta l'articolo