Dagli arresti domiciliari al carcere Lamazza CarloLo scorso 11 dicembre, il Presidente della Corte d’Appello di Messina aveva disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari per i reati di ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli a carico di Lamazza Carlo, messinese di anni 53, scassinatore seriale di automobili, trovato in possesso di arnesi atti allo scasso, nonché di merce rubata.

L’attività delle Volanti aveva consentito il rinvenimento di centinaia di Cd e DVD, decine di paia di occhiali, cinquanta caricabatterie per telefoni cellulari, pendrive, peluches, giocattoli di ogni tipo, sequestrati e trasportati dai poliziotti negli uffici della Caserma Calipari, dove diversi cittadini avevano in seguito riconosciuto alcuni oggetti come propri.

Ieri pomeriggio, gli agenti delle Volanti hanno proceduto a notificare al reo l’aggravamento della misura cautelare, trasferendo lo stesso presso la locale Casa Circondariale.

Il predetto aggravamento è stato deciso e disposto dall’Autorità Giudiziaria considerati i numerosi precedenti del reo per evasione e per violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale.