All’interno del DL Rilancio il Governo ha confermato il “buono mobilità”.
In pratica, le famiglie che vorranno acquistare una bici nuova, o un monopattino, piuttosto che un monowheel o anche un overboard, avranno a disposizione un rimborso fino al 60% con un massimo di 500 euro.

Il provvedimento del Ministero dell’Ambiente di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con lo stanziamento dei 120 milioni di euro per l’anno 2020, vuole incentivare la mobilità sostenibile, riducendo la presenza delle persone sui mezzi pubblici, ma anche lo sfrenato utilizzo di autovetture e mezzi inquinanti, a fronte delle limitazioni adottate per bus, tram e treni.
Infatti tra i tanti cambiamenti imposti dal Covid19 c’è anche l’imperativa sfida dell’adattamento, per le persone e per le città, al virus.

A chi spetta

Ne possono usufruire tutti i maggiorenni residenti nei Comuni con popolazione superiore a 50 mila abitanti, oppure i residenti dei capoluoghi di Regione o di provincia, o delle Città Metropolitane. Sono esclusi i piccoli Comuni di periferia, dal momento che lo scopo è decongestionare il traffico urbano nelle aree grandi urbane in fase post-Covid.

La misura è retroattiva

Il bonus è valido per gli acquisti fatti a partire dal 4 maggio scorso fino al 31 dicembre 2020. Può essere richiesto per l’acquisto di una bici a persona, per una volta sola. Come si legge nell’art. 205, ogni persona maggiorenne residente nei comuni interessati ha diritto al bonus per l’acquisto di solo una bicicletta, e-bike o mezzo di micromobilità.

Come averlo

È necessario conservare il documento di spesa (fattura) e, non appena sarà attiva (entro 60 gg dalla pubblicazione del provvedimento in GU), accedere tramite Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) all’applicazione predisposta dal Ministero dell’Ambiente, per attivare la procedura di rimborso. In alternativa è possibile generare il buono sempre tramite modalità online, indicando il mezzo specifico che si intende acquistare. Una volta che la piattaforma avrà generato il buono spesa elettronico da consegnare ai fornitori autorizzati, si potrà procedere con l’acquisto, presentandolo direttamente al punto vendita e compensando la differenza.

Cosa si può acquistare

Rientrano nell’incentivo non solo biciclette tradizionali o le bici pieghevoli, ma anche e-bike, bici a pedalata assistita e i nuovi mezzi della micromobilità elettrica, come ha specificato lo scorso 16 maggio, in una nota esplicativa, lo stesso MIT.
Nel documento si riferisce inoltre: “…Per agevolare l’utilizzo delle biciclette si modificherà il Codice della strada prevedendo apposite bike lane.