Si è svolta al Centro Diurno Camelot la conferenza di presentazione della XV edizione del trekking regionale a cavallo “La via dei Forti della Città dello Stretto” attraverso le ippovie dei monti Peloritani.

 

 

I dettagli dell’evento coordinato e moderato dall’avv. Silvana Paratore che ha definito la manifestazione un esempio di collaborazione attiva per la salvaguardia del territorio dei Peloritani , sono stati illustrati dal dott. Matteo Allone Presidente dell’Associazione “Il Centauro” onlus promotrice della manifestazione, in gemellaggio con l’Associazione “I Cavalieri dei Peloritani”, alla loro XII edizione di “Cavalcando tra i Peloritani”.
Difesa e valorizzazione del territorio: il tema conduttore della manifestazione che gode dei patrocini gratuiti dell’Assessorato alla Fortificazioni del Comune di Messina, del Centro Diurno del DSM Messina nord , del Dipartimento Regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale – Servizio 13 Messina, della U.I.S.P. Lega Equitazione Messina, dell’associazione l’Aquilone onlus , dell’AssoCEA Centro Educazione Ambientale Messina onlus , dell’associazione I Gattopardi Sicilia e della Brigata meccanizzata Aosta di Messina.

 

 

Ad intervenire alla conferenza stampa diversi rappresentanti delle realtà coinvolte, sia pubbliche che private. In particolare hanno partecipato gli Assessori alla Cultura ed alle Fortificazioni del Comune di Messina Vincenzo Caruso,alle politiche ambientali Avv. Dafne Musolino, alla protezione civile Massimo Minutoli, alla pubblica istruzione Laura Tringali che hanno espresso un plauso per l’iniziativa motivandone il sostegno da parte dell’amministrazione comunale per i profili di tutela del territorio, di inclusione sociale .
Presente all’incontro anche don Giovanni Lombardo, parroco della comunità S. Maria Annunziata e S. Marina di Cumia, socio fondatore della Cooperativa di Comunità Valli Basiliane che si propone l’obiettivo di promuovere la crescita e gestire un turismo lento ed ecosostenibile, che sia rispettoso della natura e della comunità locale, attraverso la valorizzazione dei percorsi trekking, con la pulitura e il recupero delle antiche vie di comunicazione quali sentieri e mulattiere, la conoscenza e l’esperienza gastronomica dei prodotti tipici locali, l’accompagnamento attraverso guide escursionistiche e ambientali, l’accoglienza e l’ospitalità. Di riscoperta dell’identità collettiva attraverso il trekking a cavallo lungo le vie dei Forti della città dello Stretto ha parlato il dott. Marco Xerra direttore modulo dipartimentale salute mentale Messina nord che ha sottolineato i riflessi positivi sul benessere psicofisico di tale iniziativa. A fornire il supporto logistico alla manifestazione la Brigata meccanizzata Aosta presente in conferenza stampa con il Maggiore Giuseppe Genovesi . Sull’importanza di valorizzare in modo positivo i Peloritani , amando tutto ciò che li circonda , si è soffermato il dott. Domenico Morabito Presidente dell’associazione I Cavalieri dei Peloritani che anche quest’anno registrerà la partecipazione di diversi loro cavalieri al raduno. Interesse ha altresi’ suscitato l’intervento di Santino Cannavò Presidente U..I.S.P. Messina che ha sostenuto come l’iniziativa coniuga sport, storia, territorio . Sulla collaborazione dell’AssoCEA Messina Aps è intervenuta l’avv. Paratore componente del comitato tecnico scientifico che ha portato i saluti del presidente ing. Francesco Cancellieri riportando come l’Educazione Ambientale molto centrata all’inizio sull’informazione scientifica e sulla presa di coscienza e prevenzione dei rischi ambientali, tenda ora ad includere una critica dei “miti” della modernità basati sulla ragione strumentale (individualismo, progresso indefinito, concorrenza, consumismo, mercato senza regole) e anche a recuperare i diversi livelli dell’equilibrio ecologico: quello interiore con sé stessi, quello solidale con gli altri, quello naturale con tutti gli esseri viventi, quello spirituale con Dio.

L’Educazione Ambientale come salto verso il Mistero, da cui un’etica ecologica trae il suo senso più profondo. Infine è intervenuto il dott. Matteo Allone, Presidente dell’associazione ”Il Centauro onlus” e responsabile del Centro Diurno “Camelot” che ha sottolineato come trattasi di una iniziativa volta a coniugare la conoscenza del territorio con l’esigenza di riduzione dei rischi derivanti sia dagli eventi meteo estremi (allagamenti, caduta di alberi, frane, etc.) prodotti dai cambiamenti climatici sia dalle azioni umane come gli incendi. Lo scopo dell’evento è stato ribadito con forza, è l’attenzionare il territorio dei Peloritani nella maniera giusta garantendo la presenza di vita che ne preserva l’incolumità e ne assicura la tutela, la difesa e la valorizzazione. Il nostro territorio, ha concluso Allone, è bellissimo ma purtroppo fragile: il nostro compito, , è di prendercene cura e preservarlo . Il Dott. Allone ha ringraziato a conclusione della conferenza stampa , il dott. Agatino Sidoti dirigente del dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale , servizio 13 Messina, per il fattivo contributo alla realizzazione dell’evento e per la disponibilità del vivaio Ziriò che in questi giorni sarà il campo base, come per iniziative analoghe, dell’equiraduno e per l’intervento di vari operatori della Forestale che si stanno prodigando per la migliore riuscita dell’evento. Ringraziamenti sono stati espressi anche per il prof. Michele Panzera ordinario di Bioetica e benessere animale dell’Università degli studi di Messina con il quale vi è una proficua collaborazione per la cura e l’attenzione agli animali assente oggi perchè impegnato in commissione di esami.

Il programma dell’evento prevede alle ore 15 al Vivaio Forestale Ziriò la scuderizzazione cavalli e registrazione partecipanti.

Sabato 17 luglio , alle 8.30, in sella e partenza dal Vivaio Ziriò il percorso da antenne Dinnammare in direzione dorsale dei Peloritani, Pizzo Bottino, Pizzo San Calogero, ove si sosterà per il pranzo nell’area attrezzata Lupo e rientro da Portella Lupo al campo base.

Domenica 18 luglio , alle ore 8.30, in sella e partenza per località Cumia, percorso ad anello, valle dei Mulini, grotta eremitica dei monaci Basiliani, benedizione di cavalli e cavalieri, rientro a Ziriò per il pranzo ed alle ore 18:00 conclusione del trekking. Partenza scaglionata dei cavalieri.