Dal fondatore di messinaweb.tv riceviamo e pubblichiamo.

 

Care amiche, cari amici, sabato 21, quando per la prima volta scenderete in piazza, sarò con voi, tra  voi.

Certamente non sono, a differenza vostra, una sardina fresca che sprizza un contagioso entusiasmo ed alle prime esperienze di impegno civico.
Nella prima Repubblica mi sono impegnato politicamente in modo serio e disinteressato, anche oggi non rinuncio alle mie idee e non sono disponibile ad ascoltare discorsi rivolti alla pancia; in questa seconda, strana, Repubblica mi sono dedicato  al mondo dell’informazione e quindi in costante contatto con quello politico.

Sono consapevole che alcune nostre idee o convinzioni potrebbero anche essere distanti o diverse ma sarò in piazza con voi, sperando in voi !

Non sono molto ottimista, forse saremo pochi, qualche centinaio, non riempiremo le piazze come a Bologna, a Roma o a Milano ma l’iniziativa di Messina è importante: rappresenta i tentativo di dare la sveglia ad una città, dal grande passato, che soffre di memoria corta o preferisce non ricordare, cambiare casacca a seconda lo spirar del vento e cercare sempre un padroncino al quale supplicare miseri favori …

Sarò in piazza con voi perché ci unisce la voglia di difendere la Costituzione repubblicana ed antifascista, l’impegno per la rinascita di una città che muore giorno dopo giorno, man mano che le migliori giovani energie abbandonano lo Stretto, un luogo unico e fra i più belli al mondo, ci unisce il desiderio di civiltà ed umanità contro irrazionali rigurgiti razzisti ed il cieco egoismo.

Cosa dirvi che già non avete intuito: non permettete a nessuno, Partiti, Sindacati, Associazioni, Movimenti, di mettere il cappello sulle vostre iniziative, mantenete la vostra freschezza ed autonomia, non siate contro i Partiti e la Politica, ma – senza divenire voi stessi Partito– dialogate con tutti e ponete con determinazione le vostre priorità ed esigenze, siate inflessibili e chiedete a gran voce che, come vuole la Costituzione, le forze politiche finiscano di gettare a piene mani odio e rancore o proposte demagogiche ed inutili e tornino, nello spirito che animava quei Partiti portatori di valori che hanno scritto la Costituzione, liberato e fatto grande l’Italia, a lavorare seriamente per il Paese e per le giovani generazioni.

Siate inflessibili con i partiti progressisti per aiutarli a ritrovare se stessi, rinunciando ad invidie e gelosie, a fratture inutili ed a personalismi: aiutateli, con le vostre proposte, richieste e vigilanza, a fare ciò per cui sono stati costituzionalmente riconosciuti, ad avere capacità di ascolto e di elaborazione, consapevoli che Governare è difficile e che occorrono sempre scelte coraggiose e consapevoli, anche se a volte impopolari.
Non fatevi abbindolare dai teatranti (ce ne sono molto bravi in giro!) e chiedete concretezza, democrazia reale e rispetto per le Istituzioni.

Voi siete non solo il nostro futuro ma il nostro presente: avete il dovere ed il diritto di lottare per voi e per tutto il paese.
Andate avanti, senza sicumera ma con orgoglio e sicurezza.
Commetterete anche degli errori sicuramente, ma pensate a quanti e quali errori abbiamo commesso noi che vi abbiamo preceduto …  ed in ogni caso non rinunciate mai all’impegno ed a sostenere le vostre idee accettando sempre il confronto.

La Politica, la cura della Res Publica, è una cosa bellissima (fuori o dentro i Partiti ma mai contro) e l’interessarsene è quello che da sudditi ci rende Cittadini !

Buon lavoro “Sardine”, per Messina e per l’Italia.