Nella ricorrenza del 450° anniversario della Battaglia di Lepanto (7 ottobre 1571), gli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia si sono resi promotori di un evento che ha avuto luogo a Messina lo scorso 9 ottobre.

L’iniziativa, assunta unitamente alla Delegazione Gran Priorale del Sovrano Ordine di Malta di Messina, ha visto la celebrazione di una Santa Messa, officiata da don Antonino Merlino, presso la chiesa della Santissima Annunziata dei Catalani, durante la quale si è data lettura del messaggio, giunto per l’occasione da Ginevra, di S.A.R. il principe Vittorio Emanuele di Savoia.

A seguire la deposizione e benedizione di una corona d’alloro ai piedi della statua di don Giovanni d’Austria, in memoria dei“ Caduti e reduci della Lega Santa”, e l’allocuzione del vice delegato SMOM il barone Carmelo Romeo Vagliasindi, recante altresì i saluti di S.E. l’ambasciatore Carlo Marullo di Condojanni, già Gran Cancelliere dell’ordine Giovannita, hanno concluso le solenni celebrazioni.

L’evento ha ripercorso una gloriosa pagina di storia della Città, anche attraverso il ricordo della partecipazione alla flotta della Lega Santa delle galere dei Cavalieri Giovanniti e di quelle del duca Emanuele Filiberto di Savoia, quest’ultime poste sotto il comando dell’ammiraglio Andrea Provana di Leiny ed espressione del primo nucleo del nascente Ordine militare, religioso e ospedaliero dei Ss. Maurizio e Lazzaro, istituito nel 1572 da papa Gregorio XIII.

Alla commemorazione erano presenti le rispettive rappresentanze del Corpo delle Infermiere Volontarie CRI, della Federazione provinciale del Nastro Azzurro fra Decorati al V.M. e della Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon.