[stream provider=video flv=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/04/Pistunina.flv img=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/04/pistunina-grande.jpg embed=true share=true width=480 height=320 dock=true controlbar=over bandwidth=high autostart=false /]

La stagione estiva si avvicina e i messinesi hanno l’enorme vantaggio di essere circondati da un mare splendido e da coste assolutamente invidiabili.

Però buona parte degli abitanti si trova negato l’accesso alle spiagge nelle immediate vicinanze. Un esempio lampante di questa spiacevole situazione si può notare per esempio nel villaggio di Pistunina. Infatti, tra le varie vie che permettono l’accesso al mare dalla via consolare Valeria non ne esiste una praticabile in piena sicurezza. Nonostante le ordinanze del sindaco che impediscono la balneazione in quel tratto di mare, nei mesi più caldi sono tanti i giovani e le famiglie che scendono nella spiaggietta sotto casa. Però la situazione delle strade è spesso di assoluto abbandono con mucchi di rifiuti che si accumulano lungo le pareti, rendendo difficoltoso il transito. Alcuni tratti di strada risultano particolarmente pericolosi per i bambini e non solo a causa di cocci di bottiglie e di rovi spinosi. Particolarmente inquietanti sono anche le fialette e le siringhe abbandonate in alcuni punti nascosti della via che dimostrano come durante la notte questi luoghi siano frequentati da tossicodipendenti e gente di malaffare. Anche la spiaggia si trova in condizioni alquanto drammatiche, infatti, le acque nere della fognatura scaricano direttamente sulla sabbia. Il lido si trova completamente ingombro di rifiuti come bottiglie di plastica, carcasse di auto e moto. Ma anche una lunga serie di rifiuti speciali come copertoni di tir, batterie di auto e pezzi di cemento armato. Del resto basta uno sguardo più approfondito per notare come siano anni e anni che i rifiuti vengono abbandonati sulla spiaggia tanto che in alcuni punti a causa di recenti frane si nota come vi siano rifiuti che sporgono attraverso gli strati di terreno, a dimostrare come via siano tonnellate di spazzatura seppelliti sotto la sabbia. Tutti questi elementi non fermano tuttavia gli abituali frequentatori della spiaggia, che sembrano incuranti dei pericoli che corrono a causa dell’evidente contaminazione ambientale. Una colpa evidente hanno anche le autorità che hanno lasciato che tutto ciò accadesse lasciando inquinare in modo gravissimo un territorio che meriterebbe di essere valorizzato. L’impegno delle autorità dovrebbe essere indirizzato verso un miglioramento delle condizioni ambientali del nostro territorio che porterebbe inoltre un miglioramento delle condizioni di vita delle famiglie del villaggio che in questo modo avrebbero la possibilità di portare i loro bambini in un posto a 4 passi da casa ma allo stesso tempo sicuro. Le opere di bonifica dovrebbero essere fatte nel più breve tempo possibile per permettere un perfetto recupero della bellezza della nostra costa favolosa.