Da diverso tempo Federconsumatori, Konsumer e Cittadinanzattiva si fanno portavoce delle segnalazioni da parte di cittadini che lamentano ritardi nella procedura on line di cambio del medico di famiglia.

In particolare, si verifica che, una volta effettuata dall’utente la registrazione del nuovo medico sul sito dedicato, la comunicazione a quest’ultimo del nominativo del nuovo assistito da parte dell’ASP venga effettuata a distanza di molti giorni, a volte anche di due settimane, durante le quali l’assistito non può fruire delle prestazioni assistenziali.

Tale circostanza crea ovviamente notevolissimi disagi agli utenti, che rimangono privi di assistenza del proprio medico di base in un periodo, quale quello attuale, in cui la prestazione assistenziale o la mera consulenza telefonica appare indispensabile per valutare eventuali sintomi Covid 19 dei pazienti.

“Si è in presenza quindi – affermano Giuseppe Abate di Federconsumatori Messina, Antonino Quartarone di Cittadinanzattiva e Linda Paparone di Konsumer – di un gravissimo disservizio che richiede interventi immediati e assolutamente non ulteriormente procrastinabili, al fine di non aggravare una situazione (quella dei contagi in città) già molto precaria e che l’ASP ha gestito in maniera certamente non ottimale”.
In tale ottica le associazioni hanno chiesto all’ASP l’adozione di adeguati e urgenti provvedimenti atti ad eliminare il grave disservizio lamentato.