I “Cacciatori di Sicilia” – qualificati per la ricerca dei latitanti e la prevenzione e repressione dei reati in aree rurali – sono già attivi nelle aree siciliane colpite dal terremoto.