Giovedì scorso (12/12/2019) a Palermo presso Evol-bikes, è avvenuta la presentazione della Techno Cruiser, una nuova crossover bike targata Arlix, ideata e prodotta interamente a Messina.
Alla presentazione, lo showman Sasà Salvaggio, testimonial dell’evento, ha ritirato il nuovo modello di e-bike dal design curatissimo e tecnologicamente molto avanzato. L’evento ha riscosso curiosità e attenzione tra i palermitani ed è stato trasmesso in diretta radiofonica su Radio Time dalle voci di Simona Farana e Domenico Cannizzaro.

Lo scorso settembre abbiamo incontrato Agostino Ecora (che insieme a Giancarlo Gregorio, è il creatore  della crossover bike Arlix) in occasione della Settimana europea della Mobilità a Piazza Cairoli. Abbiamo avuto l’occasione di porgergli alcune domande rispetto all’evento svoltosi a Palermo pochi giorni fa.

Ecco la nostra intervista!

 

  • Parliamo del modello Techno Cruiser, la nuovissima crossover bike protagonista della presentazione a Palermo. Quali sono le peculiarità a livello tecnico ed estetico?

Questo mezzo nasce dalla passione dei sui ideatori ed ha l’ambizione di sfidare il mercato delle due ruote, in quanto uscendo dagli schemi classici di una bici a pedalata assistita abbiamo implementato soluzioni tecniche e stilistiche mai viste prima, come il sistema di guida ad assetto variabile, in cui la seduta si adatta alle esigenze di guida e di percorso, o il cambio  continuo. Ed ancora abbiamo un telaio in monoscocca di carbonio e forcelle a geometria variabile in ergal. Quanto all’aspetto estetico basta un colpo d’occhio per comprendere l’impegno profuso dal nostro centro stile, ispirandoci alle centine dei profili alari si è dato un styling che coniuga leggerezza e solidità, senza mai trascurare quel carattere di  classe ed un eleganza senza tempo che la contraddistingue.

 

  • Quali sono le iniziative nel prossimo futuro per promuovere le crossover bikes Arlix?

 

I prossimi mesi ci vedranno impegnati a sviluppare la comunicazione e l’immagine del prodotto:  l’obiettivo è portare il mezzo sui mercati più ricettivi dove la cultura della mobilità ecosostenibile è più avanzata, parlo dei paesi del nord Europa in primis, ma anche America e Cina dove l’eccellenza del made in Italy è molto apprezzata.

 

  • L’evento ha previsto la consegna della moto a Sasà Salvaggio, noto volto televisivo, per il quale la crossover bike è stata personalizzata. Quali le emozioni provate da lei e dal suo staff?

 

La scelta di Sasà di prendere uno dei nostri mezzi è stata certamente una bella occasione per conoscere meglio il personaggio ed entrare in rapporti di amicizia, abbiamo anche passato dei bei momenti in allegria quando è venuto a trovarci nel nostro atelier. La consegna a Sasà, come ad altri clienti, ha sempre un sapore dolce  in quanto rappresenta il riconoscimento del grande valore che c’è dietro anni di lavoro svolto con passione e finalizzato a realizzare questo piccolo gioiello tecnologico.