Scritta da Libero Bovio e musicata da Francesco Buongiovanni, la canzone fu presentata per la prima volta da Gennaro Pasquariello nel 1925, tratta il tema dell’emigrazione italiana all’estero.

Nel giro di poco tempo la canzone diventò molto popolare, ne nacque anche una sceneggiata.

Negli anni 70/80 Mario Merola ne fa un suo cavallo di battaglia, portando sia il brano che la sceneggiata in tutta Italia e all’estero. Merola oltre ad occuparsi della rappresentazione teatrale, l’avrebbe portata anche al cinema, diretto da Ciro Ippolito.

 

 

Mia cara madre
Sta pe’ trasi’ natale
E a sta’ luntano chiu’
Me sape amaro
Comme vurria allumma’
Duje tre biancal
Comme vurria senti’ nu zampugnaro
‘E ninne mie facitele ‘o presepio
E a tavola mettite ‘o piatto mio
Facite quanno è a sera da’ vigilia
Comme si’ mmiezo a vuje
Stesse pur’ io
E ‘nce ne costa lacreme st’ america
A nuje napulitane
Pe’ nuie ca ‘nce chiagnimmo
O cielo e napule
Comme è amaro stu’ pane
M’avite scritto
Che Assuntulella chiamma
Chi l’ha lassata
Sta’ luntana ancora
Che v’aggia di’
Si ‘e figlie vonno ‘a mamma
Facitela turna’ a chella signora
Io no nun torno me ne resto fore
E resto a fatica’ pe tutte quante
Jo c’aggio perzo a patria casa e onore
Io so’ carne ‘e maciello so’ emigrante
Pe’ nuje ca ‘nce chiagnimmo
‘O cielo e napule
Comm’ è amaro stu’ pane

 

— — —

Emanuele Ferrara in arte Manuel Ferreira è un tenore autodidatta messinese, che grazie al suo registro vocale molto duttile, riesce ad interpretare brani di musica leggera, classica, napoletana e lirica. La sua voce è aperta, metallica nelle note intermedie, e sfocata nei registri alti.
Dà il meglio di se nella canzone napoletana classica e nelle arie liriche recitative.”