‘Na sera ‘e maggio è una canzone napoletana scritta nel 1937 dalla coppia Pisano-Cioffi rispettivamente autori del testo e della musica.

Fu l’ultimo grande successo che si diffuse da Napoli prima dello scoppio della seconda guerra mondiale.

 

Quanno vien’a ‘appuntamento
guarde ‘o mare, guard”e ffronne,
si te parlo nun rispunne,
staje distratta comm’a che.
Io te tengo dint”o core,
sóngo sempe ‘nnammurato
ma tu, invece, pienze a n’ato
e te staje scurdanno ‘e me
Quanno se dice: “Sí!”
tiènelo a mente
Nun s’ha da fá murí
nu core amante
Tu mme diciste: “Sí!” na sera ‘e maggio
e mo tiene ‘o curaggio ‘e mme lassá?!
St’uocchie tuoje nun só’ sincere
comm’a quanno mme ‘ncuntraste,
comm’a quanno mme diciste:
“Voglio bene sulo a te “
E tremmanno mme giuraste,
cu na mano ‘ncopp”o core:
“Nun se scorda ‘o primmo ammore! “
Mo te staje scurdanno ‘e me
Quanno se dice: “Sí!”

— — —
Nota del maestro di piano forte e canto Fraternale Gian Vittorio:
“Emanuele Ferrara in arte Manuel Ferreira è un tenore autodidatta messinese, che grazie al suo registro vocale molto duttile, riesce ad interpretare brani di musica leggera, classica, napoletana e lirica. La sua voce è aperta, metallica nelle note intermedie, e sfocata nei registri alti.
Dà il meglio di se nella canzone napoletana classica e nelle arie liriche recitative.”