Scarpicciatelo è una canzone napoletana di Renato Carosone

Carosone pescò tra i successi della musica napoletana di quegli anni e li fece suoi, arrangiandoli secondo il proprio gusto. Tra questi ci furono Malafemmena di Totò, Scapricciatiello lanciata da Aurelio Fierro alla Piedigrotta Bideri del 1954.

Renato Carosone all’anagrafe Renato Carusone (Napoli, 3 gennaio 1920 – Roma, 20 maggio 2001) è stato un cantautore, pianista, direttore d’orchestra e compositore italiano.

Pianista classico e jazzista, è stato uno dei maggiori autori e interpreti della canzone napoletana e della musica leggera italiana nel periodo collocabile tra il secondo dopoguerra e la fine degli anni novanta, avendo fuso i ritmi della tarantella con melodie africane e americane e creato una forma di macchietta, ballabile e adeguata ai tempi.

 

 

Scapricciatiellu mio, vatténne â casa
Si nun vuó’ jí ‘ngalèra, ‘int’a stu mese

Comme te ll’aggi”a dí ca nun è cosa?
Chella nun è pe’ te, chella è na ‘mpesa
Che vène a dí ch’è bella cchiù ‘e na rosa
Si po’ te veco ‘e chiagnere annascuso?

Lássala, siente a me, ca nun è cosa
Tu, p’ ‘a bionda, si’ troppo onesto
Chella è fatta pe’ ll’ommo ‘nzisto

Alluntánate ‘a ‘sta “maésta”
Ca te pierde, figlio ‘e mammá
Nun ‘o vvide ca te repassa?
Te ciancéa cu ciento mosse
T’ ‘o ffá credere e po’ te lassa
Te fa perdere ‘a libertá

Tutt’ ‘e mmatine, mamma, dint’ ‘a cchiesa
Prega, pe’ te, ‘a Madonna e nun repòsa
Jett’ ‘o curtiello nun fá ‘o smaniuso
Si no tu vaje ‘ngalèra e ‘a bionda sposa
Curre add’ ‘a vecchia, va’, cércale scusa

Tu, p’ ‘a bionda, si’ troppo onesto
Chella è fatta…

Nun ‘o vvide ca te repassa?
Te ciancéa cu ciento mosse
T’ ‘o ffá credere e po’ te lassa
Te fa perdere ‘a libertá
(Tu, p’ ‘a bionda, si’ troppo onesto

Chella è fatta pe’ ll’ommo ‘nzisto
Alluntánate ‘a ‘sta “maésta”
Ca te pierde, figlio ‘e mammá)
(Nun ‘o vvide ca te repassa?

— — —
Nota del maestro di piano forte e canto Fraternale Gian Vittorio:
“Emanuele Ferrara in arte Manuel Ferreira è un tenore autodidatta messinese, che grazie al suo registro vocale molto duttile, riesce ad interpretare brani di musica leggera, classica, napoletana e lirica. La sua voce è aperta, metallica nelle note intermedie, e sfocata nei registri alti.
Dà il meglio di se nella canzone napoletana classica e nelle arie liriche recitative.”