Con l’affollata inaugurazione della mostra fotografica Boiling Projects allestita nella ex chiesa del Carmine e nel Palazzo dei Duchi di Santo Stefano ieri si è consolidata la proposta culturale della Amministrazione di Taormina.

L’impegno dell’assessore professoressa Francesca Gullotta in diciotto mesi ha fatto centro.
Soprattutto lo spazio espositivo di piazza Carmine, destinato principalmente alla fotografia, sta diventando un punto di riferimento per l’arte contemporanea. La prestigiosa Fondazione Sandretto Re Rebaudemgo, presieduta dalla signora Patrizia, presente ieri a Taormina, ha voluto fortemente questo evento siciliano, promettendo ulteriori iniziative.
Grande supporto è venuto dalla Fondazione Oelle – Mediterraneo Antico di Ornella Laneri, che si è avvalsa della consulenza del prof. Carmelo Nicosia dell’Accademia di Belle Arti di Catania.
Oltre duecento ospiti hanno animato l’evento dell’anno, dove arte e cultura hanno tracciato il percorso di un turismo sostenibile e invernale a Taormina. “Una giornata memorabile che pone la nostra città al centro della Sicilia” è il commento del sindaco.
Patrizia Sandretto Re Rebaudengo ha detto: “Emozionata mentre salivo le scale per entrare in questo spazio dove esattamente venti anni fa ho realizzato una delle mie prime mostre. Spero di tornare. Ho invitato il sindaco a visitare la Fondazione a Torino