Oggi alle 16,55 riceviamo la nota congiunta dei Sindaci delle Città di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni che di seguito riportiamo:

Il riordino delle Autorità Portuali, ed i relativi accorpamenti, devono diventare l’occasione per disegnare un sistema portuale della Calabria e dello Stretto di Messina, posto al centro del Mediterraneo, capace, in virtù delle differenti vocazioni commerciali dei porti, di massimizzare tutti i settori economici evitando dispersioni ed inutili competizioni.

Un sistema integrato che valorizzi le specifiche peculiarità dei porti calabresi e messinesi ( passeggeri, container, crociere, prodotti petroliferi) e che riuscirà certamente a cogliere le opportunità economiche e sprigionare tutte le potenzialità dei nostri territori.

I Sindaci di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni ritengono che l’unicità dello Stretto vada in ogni caso salvaguardata e valorizzata.
Non abbiamo interesse per poltrone, ribadiamo il diritto al futuro dei nostri territori.

Firmato
Renato Accorinti, sindaco di Messina
Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria
Antonio Messina, sindaco di Villa San Giovanni

*******

La nota, anche se eccessivamente stringata e troppo politichese, sembra porsi di traverso alla ventilata Autorità Portuale con epicentro Gioia Tauro tanto cara all’on. Garofalo.

Ricordiamo che quella ipotesi, pur di non accorparsi con Catania ma  certo con disappunto dei più, fu rapidamente sposata dal Sindaco Accorinti.

De Simone, Autorità Portunale Messina

De Simone, Autorità Portunale Messina

Oggi sembra assistere ad un ulteriore repentino cambio di direzione.

Se Accorinti torna a sostenere la centralità dell’Area dello Stretto e quindi un’Autorità Portuale a Messina che valorizzi le potenzialità di Reggio e Villa non possiamo che essere felici. (o stiamo prendendo l’ennesima cantonata ?)