bernini1

‘Palazzo Bernini’ potrebbe essere ceduto alla Cassa Depositi e Prestiti. Perché? Basti vedere cosa hanno deliberato altre giunte comunali, ad esempio quella di Caserta che, il 18 aprile 2014, ha dato il via libera ad una società appartenente al gruppo Cassa Depositi e Prestiti “perché contribuisca ad ottimizzare i processi di dismissione degli immobili comunali che l’Amministrazione metterà all’asta e che eventualmente non saranno venduti”. “Un sistema innovativo – commentava il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio – che punta a promuovere le politiche di dismissione che l’Amministrazione ha avviato da tempo per uscire dal dissesto e che supera ogni immobilismo che dovesse derivare dalla mancata vendita degli immobili messi all’asta”.
‘Palazzo Bernini’ – sito nel Viale Bernini da cui prende il nome, all’altezza della centrale e attrezzata Piazza Michelangelo – figura nell’elenco degli immobili che il Comune di Catania intende trasferire in base al Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2014-2016. Si tratta di un complesso immobiliare stimato in 6 milioni 451 mila 650 euro. Ma la prima asta è andata deserta e benché alla seconda l’immobile sia stato riproposto per il valore di circa 2 milioni 600 mila euro, è andata deserta anche la seconda. Ragion per cui nei corridoi di Palazzo degli Elefanti corrono voci di cessione alla Cassa Depositi e Prestiti.
Il complesso immobiliare del Viale Bernini necessita di manutenzione straordinaria, consolidamento e sistemazione degli impianti, come documentano le foto. L’edificio è sito in una zona strategica di Catania: vicino ad un ingresso sulla Circonvallazione; in prossimità del parcheggio e del terminal del trasporto pubblico di Piazza Michelangelo. Luogo e sito ideali per ospitare uffici comunali, molti dei quali, invece, oggi sono ospitati in edifici privati presi in locazione dal Comune.

bernini7

bernini6

bernini5

bernini4

bernini3

bernini2