Il Consigliere comunale Libero Gioveni ha scritto al Presidente dell’ATM ed al Sindaco:

Libero Gioveni

Esattamente da domani 1 luglio, come è stato ampiamente comunicato, sarà attivato il nuovo servizio notturno dello shuttle da Giampilieri a Mortelle che consentirà ai ragazzi di potersi spostare in sicurezza fra i vari lidi e locali della riviera nord e, contestualmente, riprenderà anche il servizio di sosta a pagamento nei vari lotti della ZTL con l’introduzione delle nuove tariffe che saranno tutte di 1 euro, anche nelle zone blu dove vigeva la tariffa oraria di 50 cent.

Ebbene, per entrambe le novità lo scrivente ritiene che, a fronte della duplice esigenza di salvaguardare gli equilibri di Bilancio dell’azienda e di venire incontro alle legittime esigenze dell’utenza, occorre introdurre (o reintrodurre) delle azioni incentivanti che sinteticamente qui di seguito si riportano:

ABBONAMENTI ESTIVI PER UNDER 30

Lo scorso anno ATM in liquidazione aveva attivato un abbonamento per ragazzi e adolescenti di 20 euro mensili; in tal modo l’uso del mezzo pubblico in città sarebbe senza alcun dubbio incentivato per i tantissimi giovani che specie di sera farebbero uso dello shuttle notturno, atteso che parecchi ragazzi (alcuni dei quali provenienti da famiglie in forte disagio economico) non possono di certo permettersi due o più biglietti al giorno di 1,50 euro per 100 minuti e quello doppio di 2,50 euro (per non parlare poi dei biglietti venduti a bordo di 2 euro e 4 euro).

ABBONAMENTI ZTL PER COMMERCIANTI E LAVORATORI DEL CENTRO

Non è la prima volta che il sottoscritto avanza questa proposta per tutti i commercianti e lavoratori del centro città che si ritroveranno costretti adesso a pagare non meno di 6 euro al giorno per poter sostare con i due tagliandi di mezza giornata (mattina e pomeriggio), passati da 1,50 euro a 3 euro.

Un vero e proprio salasso, questo, per i lavoratori e soprattutto per gli operatori commerciali in un periodo in cui invece dovremmo tendere loro una mano per farli uscire dalla crisi post-Covid.

Ricordo benissimo l’impegno da parte del CdA aziendale di voler riprendere la proposta dell’abbonamento agevolato per i lavoratori del centro una volta avviata la nuova società; credo, quindi, sia giunto il momento di agire in questo senso.”

In base alle considerazioni esposte Gioveni avanza due proposte:

1. reintrodurre l’abbonamento mensile estivo per l’utilizzo di bus e tram rivolto ai ragazzi al costo di 20 euro;

2. attivare un abbonamento di taglio mensile, semestrale e annuale per tutti i commercianti e i loro dipendenti e in genere per tutti i lavoratori di aziende pubbliche e private che dimostrano di esercitare la loro attività lavorativa all’interno dei lotti della ZTL.

—- — —

(NdR) Apprezziamo e condividiamo la “spirito” delle proposte del Consigliere Gioveni, ma, mentre concordiamo sulla prima, siamo nettamente contrari alla seconda.

La motivazione, per chi ci segue da anni, è facilmente intuibile.

La “ZTL alla messinese”, da noi ritenuta un aborto tecnico-giuridico, nacque come molti ricorderanno da altre Amministrazioni per due motivi non difendibili (dal punto di vista politico ed etico) mascherati dalla  “viabilità corretta”:

1) “Far cassa” in modo indiscriminato;

2) “inventarsi un lavoro” per il controllo dei parcheggi da “affidare” intanto alle cooperative per poi (sindacati e politica finalmente concordi !)  farli transitare alle dirette dipendenze dell’ATM in una logica, a suo tempo denunciata, puramente clientelare.

Se così stanno le cose la proposta n.2 di Gioveni non è adatta a rimettere le cose a posto: occorre concordare con l’Amministrazione attiva un “Piano viabilità” che abolendo l’obbrobrio delle strade trasformate in “parcheggi a pagamento” individui isole pedonali diffuse e relativi parcheggi, le ZTL VERE (ove occorrano) e potenzi il trasporto pubblico rendendolo appetibile sia per il servizio che per il costo.