[stream provider=video flv=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2010/10/commissione_20_10_2010.flv img=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2010/10/commissione.jpg embed=true share=true width=480 height=320 dock=true controlbar=over bandwidth=high autostart=false /]

La seconda commissione consiliare , pianificazione urbanistica, si è riunita questa mattina per discutere sull’ applicazione della deliberazione di Giunta municipale n.745 del 9 agosto scorso, relativa ai pareri ed ai nulla osta propedeutici a garantire il corretto insediamento nel territorio in relazione alle caratteristiche ed alle infrastrutture esistenti. Alla seduta hanno preso parte l’assessore alla mobilità urbana, Melino Capone, i dirigenti dei dipartimenti attività edilizia dei dipartimenti attività edilizia e repressione dell’abusivismo, ing. Carmelo Famà, mobilità

seduta della commissione urbana e viabilità, ing. Domenico Manna, e delle opere di urbanizzazione, ing. Antonio Amato, il geologo, dott. Carmelo Gioè.  La delibera di Giunta, discussa oggi, è un atto d’indirizzo ai fini della verifica delle condizioni di edificabilità nella concretezza, tutto sommato è una sintesi in considerazione di varie deliberazioni e note apposte dai vari organi preposti. Come si evince dalla delibera di Giunta in particolar modo è stata presa in considerazione la delibera del 12 Luglio 2010 avente ad oggetto: “Aree a rischio idrogeologico”, su proposta n.10 del 13 Aprile 2010 presentata dai dipartimenti Pianificazione Urbanistica e Attività Edilizie e R.A., con la quale il consiglio comunale ha disposto che, a tutela della pubblica e privata incolumità, nelle more dell’emanazione da parte della Regione Sicilia del P.A.I., in tutte le aree ipotizzate a pericolosità P1 e P2 ed a rischio R1 e R2, i relativi progetti siano correlati da relazione geologica riferita all’opera da realizzare; qualora le aree a rischio abbiano un’ipotesi di classificazione di pericolosità P3 e P4 (elevata/molto elevata), a rischio R3 e R4 (elevata/molto elevata), l’attività edificatoria di qualsiasi genere e natura, a tutela della pubblica e privata incolumità, deve essere disciplinata secondo le prescrizioni previste per tali aree dal P.A.I. approvato con i decreti presidenziali n. 813 del 15 Dicembre 2006 e n. 287 del 5 Luglio 2007.  Sulla scorta di ciò la Giunta delibera che il rilascio della concessione edilizia, sia in forma tacita per decorrenza dei termini, che in forma esplicita, deve essere preceduto dall’acquisizione dei pareri da richiedere ai dirigenti dei dipartimenti competenti e riporta le varie competenze:  Il dipartimento urbanizzazione primaria e secondaria – indagini geognostiche – arredo urbano, protezione civile, dovranno esprimere parere in ordine alla ricadenza o meno del terreno sottoposto ad edificazione;  Il dipartimento urbanizzazione primarie e secondarie dovrà esprimere parere in ordine alla sussistenza e alla idoneità delle opere di urbanizzazione esistenti o in corso di realizzazione;  Il dipartimento viabilità e mobilità dovrà esprimere parere in ordine alla idoneità della rete viaria esistente esterna al lotto interessato all’edificazione a sopportare l’ulteriore carico urbanistico;  I dipartimenti Pianificazione ed Attività Edilizia e R. A. dovranno valutare la rispondenza dei progetti con le prescrizioni delle norme tecniche di attuazione previa acquisizione dei pareri indicati in precedenza. Dopo varie discussioni e varie opposizioni dei consiglieri sull’utilità di discutere di una delibera in atto esecutiva, di cui come sottolinea Capurro (Pdl), “non abbiamo competenze in tal senso, tutto sommato il consiglio comunale abbiamo predisposto una serie di atti e la giunta a fatto tesoro di ciò in questa delibera .” Barbalace (Pd): “L’iniziativa è lodevole perché mette ordine laddove nel passato era tutto lasciato allo sbando”. Alla fine, nel tentativo di comprendere ciò che doveva essere discusso, la confusione regnava tra i consiglieri, immaginarsi tra chi ascoltava, Capurro fa una mozione d’ordine per rinviare il tavolo tecnico, perché vuole chiarimenti  dall’assessore Giuseppe Corvaja, messa ai voti il risultato è stato 5 favorevoli, 2 astenuti e 2 contrari. Si ripeterà il teatrino a data da destinarsi.