La Costituzione di una nuova società totalmente pubblica per l’esercizio della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani che si sostituisca a quella già esistente, appare di assai dubbia legittimità.
Messina Ambiente infatti pur essendo nata come società mista, col passare degli anni è diventata sempre più proprietà del Comune gestita di fatto in hause, con lavoratori assimilabili ai dipendenti comunali diretti direttamente da funzionari del Comune o da dirigenti nominati dal Sindaco o da suoi delegati. La società così gestita ha continuato a produrre, molti debiti, non ancora pagati, e tante aspettative da parte dei lavoratori. Si tratta di un fardello che non può essere abbandonato.
La nascita di una nuova società a totale gestione pubblica, fa pensare all’abbandono sia dei beni, sia dei debiti, per far nascere un soggetto uguale a quello esistente, che però possa non adempiere alle obbligazioni assunte sia verso i lavoratori che verso terzi. Si tratta di una scelta che la legge vieta e che quindi può essere ritenuta fraudolenta.

Per rimediare noi riteniamo sia necessario operare ancora con Messina Ambiente con due possibili scelte:

La prima è quella di riproporre la scelta di un operatore privato, che aderisca ad un “project financing”, che garantisca, la raccolta differenziata, la trasformazione dei rifiuti, e la gestione di una discarica (vedi progetto Providenti-Sofo, dichiarato legittimo con sentenza definitiva dalla magistratura).
La seconda scelta può essere quella di operare sulla società esistente anche, se si vuole, trasformandola in società a totale proprietà pubblica. Per questo però è necessario predisporre un progetto complessivo, operativo e funzionale.

Il cambiamento solo formale di una società oltre a sollevare forti dubbi di legittimità, presenta rischi sula sostenibilità futura poichè mantenendo nei fatti lo stesso personale, gli stessi mezzi e la stessa gestione non potrà che riproporre, a breve tempo, la situazione fallimentare della vecchia Messinambiente, con le gravi immaginabili conseguenze sulla qualità del servizio e sugli occupati dato che con la nuova società i problemi verrebbero soltanto rimandati, ma non affrontati e risolti.
La mancanza poi di un socio privato, di fatto, dato lo stato comatoso delle finanze del Comune, impedirebbe qualunque investimento ed ammodernamento.

LabDem Messina
Luigi Beninati