Il Sindaco Cateno De Luca con ordinanza N. 310 di oggi pomeriggio, 7 gennaio 2022, ha disposto da lunedì 10 e sino al 23 gennaio incluso, la chiusura degli Istituti comprensivi e scolastici pubblici, privati e paritari di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido, micronido, sezioni primavera e gli asili in casa.

Durante il suddetto periodo di chiusura, gli Istituti scolastici sono tenuti a garantire lo svolgimento dell’attività didattica mediante la DID e/o la DAD salva sempre la possibilità di svolgere attività in presenza, qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Il provvedimento di sospensione dell’attività scolastica in presenza si è reso necessario in quanto il Sindaco unitamente agli Assessori con delega all’Emergenza Covid Dafne Musolino; alla Pubblica Istruzione Francesco Gallo; e alla Protezione Civile Massimiliano Minutoli, ha preso atto dell’evolversi della situazione epidemiologica; e di concerto con l’ASP di Messina, è stato rilevato che l’imminente ripresa delle attività scolastiche in presenza, costituisce una evidente causa di aumento del contagio dovuto al rischio estremamente elevato di diffusione del virus Covid-19 nella popolazione scolastica. Pertanto, l’attuale contesto di rischio impone la prosecuzione delle iniziative di carattere straordinario e urgente, al fine di fronteggiare possibili situazioni di pregiudizio per la collettività.

Il Sindaco De Luca ha inoltre preannunciato la presentazione dell’istanza al Presidente della Regione Sicilia per la dichiarazione della zona arancione nel territorio del Comune di Messina.

 

—-ç—-

Dopo l’Ordinanda Sindacale una nota dell’ASP di Messina

“L’Asp di Messina comunica che dopo la riunione di stamani in Prefettura e dopo un’altra telefonica con l’assessore Regionale alla Salute Ruggero Razza, si è preso atto dell’aumento vertiginoso dei contagi e si è deciso di chiedere di considerare Messina ed altri comuni della provincia territori ad alto rischio visto. La Regione dovrà poi accogliere la richiesta dell’Asp. Se verrà accolta dalla Regione la richiesta i sindaci dei territori interessati potranno in seguito decidere di chiudere le scuole e di prevedere la modalità Dad.

Inoltre si è deciso di potenziare i posti letto negli ospedali di Messina e provincia fino a 100.

(NdR): finalmente !