“Favorevolissimi alle pedonalizzazioni
Se, ad oggi, ancora esiste un contrasto sul tema, la responsabilità è di un’amministrazione che non è stata in grado di presentare un progetto onnicomprensivo, armonico ed organico, aprendosi veramente al dialogo con il Consiglio comunale e con la città.

Da subito, parlando con residenti, commercianti, fruitori del centro e tecnici ho raccolto pareri e posizioni con sfumature diverse ma tutte condivisibili. Si sarebbe dovuto ascoltare tutti, raccogliere le decine di suggerimenti facendone tesoro, specie per un progetto come questo e, invece, la decisione improvvisa e radicale, di chiudere una grande porzione di città, ha determinato lo scontro feroce del quale ancora oggi sentiamo l’eco. Non permetteró forzature e intimidazioni ai danni di tanti cittadini e commercianti che non possono liberamente esprimere il loro punto di vista, sarò la loro “voce” !

Ciò che sostengo da 4 anni e mezzo lo ribadisco oggi perché, nel frattempo, nulla di nuovo è intervenuto che possa giustificare il totale stravolgimento della viabilità cittadina, senza un concreto beneficio in termini di sostenibilità e vivibilità.
Che idea di città ha questa amministrazione non è dato sapere, non si comprende la ratio di provvedimenti slegati fra loro senza un preciso obiettivo, non sono certo due strisce che costeggiano la corsia dei bus, a fare una pista ciclabile.

È stato commissionato uno studio del PUT, perché non attenderne l’esito, che insieme a quanto emerso dal PUMS, darà una visione complessiva e concretamente applicabile alla nostra città ?

È chiaro che non firmeremo promesse in bianco e, a Fratelli d’Italia, l’amministrazione non può chiedere di votare per “un’isola che non c’è” e che non rappresenta gli interessi di tutti. Una vera ZTL degna di questo nome, significa Zona a Traffico Limitato, non una baraonda con parcheggi a pagamento che spuntano come funghi, questo serve alla città!

Perché vi sia la svolta, quella vera e non quella promessa, ci vuole molto più che una serie di strade chiuse al traffico senza armonia, senza una prospettiva futura, un’idea complessiva di città, non uno spot elettorale.
Per questo, nei giorni scorsi ho voluto ancora una volta, fare il punto con il gruppo messinese di FdI e con i membri del Comitato cittadino 29dicembre, per essere portavoce non solo di problematiche ma anche e prima di tutto di proposte per la realizzazione di veri spazi pedonali”.

Daniela Faranda, Capogruppo Fd’I Consiglio comunale Messina