Siamo giunti all’ultima giornata di questo campionato di serie A 2020-2021 che ha visto trionfare l’Inter di Antonio Conte con diverse giornate d’anticipo. Non scontate, al contrario, le squadre qualificate alla prossima Champions League.

Se l’Atalanta di Gasperini era matematicamente certa di un posto, per il terzo anno consecutivo, nel torneo della coppa dalle grandi orecchie, lo stesso non si poteva dire di Milan, Juventus e Napoli.

Proprio il Milan si è trovata ad affrontare, in quest’ultima giornata al cardiopalma, proprio la Dea in quella che, almeno sulla carta, era la sfida più difficile tra le tre compagini in lotta per la qualificazione Champions.

Si è potuto assistere ad una partita giocata senza freno a mano e con il massimo cinismo il Milan è riuscito a uscire vittorioso per 2-0 grazie alla doppietta del faro del centrocampo rossonero: il “presidente” Franck Kessie.

Passeggia, invece la Juventus in casa del Bologna, ormai salvo con diverse partite d’anticipo, di Sinisa Mihajlovic. Il tabellino finale segna 1-4 per la squadra ospite che per ora è qualificata alla prossima Champions League.

Ma è sul campo del Napoli, partita terminata con qualche minuto di ritardo rispetto alle altre, che ci si gioca la qualificazione a scapito della Juventus. Partita difficile, tatticamente complessa che vede andare in vantaggio il Napoli con il più classico gol dell’ex.

Il vantaggio dura però poco: solamente 9 minuti dopo, al 69’, squadra di Gattuso si vede riagganciare dal pareggio segnato dal terzino Davide Faraoni. Gattuso prova in tutti i modi a recuperare il vantaggio perso inserendo Mertens e Petagna concludendo la partita con un solo centrocampista e ben cinque punte, insomma, un all-in stile casinò .
La scelta super offensiva del tecnico calabrese non porta i frutti sperati e il Napoli vede sfumare il sogno Champions.

Altra partita non adatta ai deboli di cuore vede affrontarsi lo Spezia di mister Italiano, reduce dalla sonora vittoria salvezza per 4-1 contro il Torino, e la Roma alla caccia degli ultimi punti utili per qualificarsi alla nuova UEFA Conference League. I giallorossi sono costretti subito ad inseguire: anche qui il gol dell’ex Verde vede lo Spezia andare in vantaggio dopo soli 6 minuti, per poi assistere al raddoppio al 38’ targato Pobega. Le chance di una rimonta sembrano poche e con esse la possibilità di qualificazione alla competizione, anche perché sul campo della Lazio, il Sassuolo, anch’esso in lotta per la qualificazione alla Conference League, sta vincendo 1-0.

La situazione si ribalta nel secondo tempo: la roma accorcia le distanze al 52’ con El Shaarawy e pareggia all’85’ con Mkhitaryan regalando così la qualificazione alla Roma.