L’Acr Messina apre un nuovo capitolo della sua travagliata stagione calcistica, ripartendo da mister Andrea Pensabene. Esordio positivo per il nuovo tecnico della squadra di Sciotto che, con un gol per tempo, ha la meglio per 2-0 sulla Cittanovese.

Il Messina ritrova, dunque, la vittoria dopo tre sconfitte consecutive. Nuovo tecnico, vecchio modulo: Pensabene conferma il 4-3-3 ma cambia qualche qualcosa tra gli 11 titolari: davanti ad Avella, la novità è Barbera schierato in difesa assieme a De Meio, Bruno ed Emiliano; gli uomini di centrocampo sono Danza Buono e Lavrendi, il tridente d’attacco è formati dai confermatissimi Crucitti, Rossetti e Arcidiacono.
È il Messina a rendersi subito pericoloso al 5’ con Rossetti che supera un difensore ospite, ma viene anticipato in angolo al momento della conclusione. Sul corner a seguire, palla ancora a Rossetti sul secondo palo, stop e tiro respinto da Latella. Qualche minuto più tardi, su calcio d’angolo di Crucitti il colpo di testa di De Meio finisce di poco a lato.
Al 13’ minuto l’Acr trova il vantaggio: Rossetti riceve palla in area di rigore, la difende spalle alla porta, la girata e poi il diagonale di destro che batte il portiere calabrese. È 1-0 in un “Franco Scoglio” semi deserto. Alla mezz’ora, i padroni di casa protestano per un contrasto duro, non sanzionato dall’arbitro, dove ha la peggio Emiliano.
Al 41’ il Messina sfiora il raddoppio con una bel cross di Lavrendi, da sinistra sul secondo palo, colpo di testa di Crucitti che manda fuori di poco.
Si conclude qui il primo tempo.
Nella ripresa continua il pressing dell’Acr: al 5’ Crucitti ruba palla al limite, entra in area di rigore ma il suo tiro viene bloccato da Latella, con qualche incertezza; il portiere della Cittanovese si salva con l’aiuto di un compagno di squadra. Al 15’ Rossetti salta due uomini sulla sinistra, serva in area Crucitti, che controlla e tira, ma il suo sinistro viene smorzato da un difensore, agevolando l’intervento risolutivo di Latella. La Cittanovese si fa vedere al 32’ quando, su corner di Tripicchio, il subentrato Neri sfiora il palo. Al 44’ i giallorossi chiudono la partita con la coppia Manfrè-Arcidiacono: uno-due micidiale che mette Manfrè davanti al portiere, l’attaccante non sbaglia.
Il prossimo impegno sarà in casa contro il Roccella.