Le amare considerazioni dell’amministratore delegato Acr, Paolo Sciotto