Amaro ritorno tra le mure amiche del FC Messina che viene travolto dal Cittanova.

La squadra allenata da Mancuso inizia la partita con un approccio “leggero”.
Sono gli ospiti infatti a governare il gioco.

 

 

Gli arancioni (i peloritani oggi indossavano un completo sgargiante!) appaiono nervosi e già al 10′ scatta il primo “cartellino giallo” ai danni di Massa.

Il Cittanova crea e finalizza al 15′ con una rete annullata a Bonanno per fuorigioco. Lo scampato pericolo, però, non sprona i giocatori di casa che non riescono ad impensierire il portiere ospite. Ma il gol per i calabresi è solo rimandato: al 35′ una palla ben lavorata da Bukva arriva al centro a De Marco che insacca facilmente alle spalle di Giannini. Le squadre tornano negli spogliatoi senza ulteriori azioni di rilievo.

Nella ripresa Mancuso cerca di dare la scossa sostituendo Santapaola per Bozzanga prima e Siaj Romero per Samb poi, ma sono sempre i calabresi ad amministrare il gioco.

Il Cittanova raddoppia quasi subito con un’azione del solito Bukva che questa volta trova De Marco pronto ad insaccare. Mancuso le prova tutte e fa entrare anche Fioravanti e Valente. Ma la prima azione degna di nota per i giallorossi arriva al minuto 85′ quando la traversa impedisce ad Aliaga di gridare al gol. Gli ultimi minuti di gara sono tutti di marca calabrese con un 1-2 micidiale che porta il punteggio sullo 0-4.

Al minuto 88′ è nuovamente De Marco a segnare mentre, in pieno recupero, ci pensa Olivato, entrato da poco, a sugellare il poker.

E’ crisi nera per la squadra giallorossa che è costretta, ormai, a riprogrammare la stagione, stante la carenza di risultati.

Prossimo match in trasferta contro il Gelbison, attualmente terzo in classifica.