Il FC Messina mostra un andamento altalenante.

Dopo la vittoria all’esordio in campionato e la successiva sconfitta alla seconda giornata, in trasferta contro la cenerentola Dattilo, la squadra di mister Gabriele ottiene i tre punti fornendo una prestazione non esaltante dal punto di vista del gioco, ma efficace in termini pratici. Una formazione rimaneggiata quella messa in campo dal tecnico (3-5-2), con il ritrovato bomber Paolo Carbonaro affiancato da Mukiele. In difesa ritorna a Fissore, Domenico Marchetti e Quitadamo; a centrocampo Aita, Ricossa posizionati sugli esterni, centrali Alessandto Marchetti, Palma e il rientrante Giuffrida.

Nel primo tempo il primo squillo arriva al 10′ con Ricossa che crossa da sinistra, sul secondo palo puntuale Aita che schiaccia di testa, Mukiele non riesce a colpire bene la sfera. Il Troina tenta il colpaccio provando a colpire là dove la squadra di casa mostra i suoi punti debole. Al 28′ Aperi spreca un’ importante occasione calciando a lato dopo aver lasciato sul posto Quitadamo. Al 38′ è di nuovo il FC a rendersi pericoloso: da calcio di punizione Domenico Marchetti prova ad impensierire il portiere ospite un destro morbido che va di poco sopra la traversa.

Nel secondo tempo già al 3′, Mukiele viene servito bene in area di rigore ma viene fermato da Ciccone. Al 10′ arriva il gol dell’1-0 del FC: Alessandro Marchetti mette in mezzo una buona palla, Fissore riesce a mettere al centro di testa sul secondo palo, Mukiele dopo un primo tentativo fallito riesce con una torsione a mettere in rete alle spalle del portiere ospite. Il Troina può recriminare un rigore non concesso dall’arbitro. Rigore non dato, rigore subito:al 39′ Ricossa cade in area su presunto tocco di Felici. Per l’arbitro non ci sono dubbi e assegna penalty, che batte Carbonaro ma non concretizza. La palla viene spedita in angolo.

Il FC Messina che si è visto oggi in campo è ben lontano da quello brillante e convincente dello scorso anno. I margini di miglioramento sono sicuramente tanti, ma mister Gabriele deve affrettarsi a trovare la chiave d’accesso se vuole che il suo Messina vinca il campionato.

La prossima partita si giocherà tra sette giorni contro la Polisportiva del Cilento.