Ma non basta per la promozione.
Mercoledì i playoff.

 

 

Nell’ultima partita di campionato della stagione regolare, in casa contro il già retrocesso Roccella, il FC Messina scende in campo con una formazione rimaneggiata, verosimilmente per preservare i titolari per la semifinale di mercoledì dei playoff contro l’Acireale.

 

 

 

Il caldo condiziona e non poco la gara: ritmi molto blandi fino al 28′, quando Coria calcia da fermo dai 20 metri e piazza la sfera alle spalle di Spadola.

Due minuti più tardi, ottimo disimpegno di Bianco sulla corsia di sinistra che serve Alessandro Marchetti, il quale trova un tiro a giro impagabile per il portiere calabrese. La terza rete arriva con un’azione corale meravigliosa innescata da Carbonaro che di tacco smarca Bianco: sulla ribattuta di Spadola, Arena corregge in rete.

Qualche minuto più tardi arriva la reazione del Roccella: l’uno-due tra Di Franco e Samake porta quest’ultimo ad incrociare il pallone, nulla può Monti. Nei minuti di recupero anche Carbonaro scrive il suo nome nel tabellino dei marcatori con un calcio di punizione mirato al sette.

Nel secondo tempo il FC firma anche la rete del 5 – 1 con Caballero, subentrato al posto di Carbonaro. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo calciato da Alessandro Marchetti, l’attaccante corregge di testa da vero rapinatore d’area di rigore. Al 36′ e al 40′ Palma sigla la sua personale doppietta.