Dopo quasi un mese lontano dal “Franco Scoglio”, il FC Messina torna a giocare in casa e trova una vittoria sofferta contro il Paternò.

Leo Criaco deve fare ancora i conti come numerose assenze causate dal Covid. Rispetto alla gara con il Castrovillari, il vice allenatore schiera Casella e Agnelli.

La gara, sin dalle prime battute è indirizzata verso una sola direzione, con i padroni di casa ad attaccare costantemente la porta avversaria. Al 15′, il Paternò si rende pericoloso con Scapellato che prova il tiro dalla lunga distanza; la palla si stampa sulla traversa. Tre minuti più tardi ci prova Bevis al termine di una azione personale. Al 37′ Bianco effettua un cross che per poco sorprende il portiere ospite. Poco dopo, sempre Bianco, in area di rigore tenta il sinistro a giro sfiorando l’incrocio dei pali.

 

 

Nel secondo tempo Criaco tenta la carta Arena al posto di Giuffrida cambiando schema tattico, ma senza sortire effetti. Soltanto una giocata personale di Carbonaro poteva sbloccare una gara fino a quel momento priva di grandi emozioni: è il 67′ quando l’attaccante entra in area di rigore e con un tiro alla Del Piero batte l’estremo difensore del Paternò. Il resto della gara non regala molte altre emozioni. Tre punti fondamentali per continuare la corsa al primo posto.