Un inizio scoppiettante quello avvenuto in casa dell’FC Messina. Presente nel girone I di Serie D, la squadra ha iniziato la stagione 2020-21 alla grande, e dopo cinque partite si ritrova al terzo posto in classifica, a pari punti con i vicini dell’Acireale e a tre distanze dalla Cittanovese, ad oggi capolista solitaria.

La squadra di mister Pino Rigoli in questo avvio di stagione ha anche battuto gli acerrimi nemici cittadini dell’ACR Messina. Se avessimo dovuto giocare la quota vincente prima della partita, ci sarebbero stati pochi dubbi sui favori del pronostico per la squadra giallorossa, ma come è noto spesso i derby e le stracittadine giocano brutti scherzi: il rigore di Caballero ha però spazzato via ogni dubbio, assegnando quindi il derby cittadino, giocatosi allo Stadio Franco Scoglio, alla formazione giallorossa.


Sono dunque tre le vittorie nelle cinque partite disputate fino a qui in stagione. A fungere da eccezione sono la sconfitta contro il Dattilo 1980, una sconfitta di misura per 1-0, e il pari a reti bianche contro il Santa Maria Cilento. Il rigore del puntero argentino nel derby ha riportato i tre punti e una buona dose di entusiasmo in casa messinese, per una squadra che sembra avere tutte le carte in regola per puntare alle massime posizione del girone I del massimo campionato dilettantistico italiano. Il derby si è giocato su ritmo ed intensità di alto livello, con Bevis e Carbonaro tra i giocatori offensivi più attivi, e pronti a servire il centravanti.
Questi primi scampoli di stagione stanno confermando anche la bontà del mercato estivo effettuato dalla squadra messinese: tre arrivi dalla Serie A non vanno mai dati per scontato per una lega inferiore di tre categorie, e non è un caso che a contribuire a questo ottimo avvio siano stati, tra gli altri, gli importanti arrivi dalla rinomata Primavera del Torino. Norvin Mukiele, Riccardo Ricossa, Marco Garetto, insieme al terzino Gabriele Aita, arrivato anch’egli dal Torino ma direttamente dalla squadra Allievi: tutti e quattro stanno fornendo prestazioni importanti, e non potranno che dare una mano fondamentale alla squadra nel corso della stagione. Insieme a loro, spicca il nome di Giuseppe Palma, cresciuto nelle giovanili del Napoli e da qualche anno mina vagante nelle serie professionistiche e dilettantistiche italiane, sicuramente un buon prospetto per questa Serie D, e di Giuseppe Garetto, centrocampista dal grande talento.


L’obiettivo nemmeno troppo velato, a medio termine, è quello scontro previsto per il 22 novembre contro la Cittanovese, attuale capolista. Arrivare all’incontro inanellando e continuando una striscia di risultati positivi permetterebbe all’FC Messina di ambire a lidi importanti nel corso di questa stagione, che sta dimostrando anche una spiccata solidità difensiva: non è un caso che il portiere Francesco Marone, dopo il derby cittadino, sia giunto a conquistare il terzo clean sheet stagionale. L’entusiasmo regalato dalla vittoria nel derby non potrà che regalare ulteriore entusiasmo al secondo anno sotto la gestione dell’imprenditore locale Rocco Arena: dopo la chiusura anticipata della scorsa stagione, quest’anno l’obiettivo playoff sembra più realistico che mai.