La squadra del presidente Giorgio Quartuccio si aggiudica lo scontro al vertice, passando per 4-0 al Centro Sportivo Bonacossa.
Monteiro e compagni chiudono al comando e da imbattuti il girone d’andata, aumentando a tre punti il vantaggio sul secondo posto.

La Top Spin Messina firma l’impresa, vince 4-0 a Milano e si laurea campione d’inverno.

Nell’ultima giornata d’andata di Serie A1 di tennistavolo maschile la squadra del presidente Giorgio Quartuccio non sbaglia nulla e passa in maniera netta al Centro Sportivo Bonacossa.
Due punti pesanti, ottenuti nello scontro al vertice, che consentono di consolidare il primato in classifica. Sono adesso tre le lunghezze di vantaggio per la capolista sulle inseguitrici. Il solito superlativo João Monteiro ha guidato una Top Spin al gran completo al largo successo. Insieme al lusitano, Sadi Ismailov (suo l’1-0), Jordy Piccolin (una vittoria a tavolino), Marco Rech Daldosso e Antonino Amato erano infatti tutti a disposizione del tecnico Wang Hong Liang. I padroni di casa del presidente Marcello Cicchitti hanno dovuto fare i conti con le defezioni di Grigory Vlasov e Matteo Mutti (presente in panchina, ma infortunato).

Rimonta fantastica (3-2) di Sadi Ismailov su Leonardo Mutti nel primo spettacolare incontro del pomeriggio. Il milanese, numero 1 del ranking italiano, parte forte nel parziale d’apertura e scatta sul 9-3, chiudendo 11-5 e concretizzando il secondo set-point utile. In avvio di seconda frazione è un altro Ismailov che allunga sul 5-1 e poi sul 7-3.
Il russo, però, subisce il ritorno di Mutti che con sei punti consecutivi ribalta totalmente la situazione. Ismailov accorcia (9-8), ma l’avversario prevale 11-8. Sotto di due set inizia la riscossa dell’atleta della Top Spin. Il 9-2, con cui comincia il terzo parziale, è un segnale chiaro. Mutti risale fino al 9-6, Ismailov questa volta tiene i nervi saldi e sfrutta il margine di vantaggio: è 11-7, al secondo set-point.
Nel quarto parziale Ismailov va sul 5-1, ma Mutti non molla e recupera (5-4). Sull’8-7 quattro punti di fila dello scatenato russo che conquista il set per 11-7. La “bella” è avvincente. Ismailov parte meglio (3-1) e accelera fino all’8-4. Cinque punti di fila di un mai domo Mutti valgono però il sorpasso al lombardo.

Ismailov deve anche annullare un match-point al rivale sul 9-10, prima di imporsi per 12-10 e mettere il sigillo all’1-0 della Top Spin.

A seguire, Monteiro stende 3-0 il cinese Guo Ze e regala anche il secondo punto ai suoi.
Il più incerto è il primo set che vede regnare massimo equilibrio sino al 7-7. Il lusitano fila via con due punti consecutivi e, una volta approdato al 10-8, sfrutta il secondo set-point a disposizione per vincere. Nella seconda frazione l’avvio è favorevole al cinese in forza a Milano che prova la fuga, ma Monteiro è implacabile e lo riprende subito. Nel terzo parziale dal 1-3 si passa al 3-3 grazie alla classe del portoghese.
Il finale è 11-6 che chiude il sipario sul match.