Skip to content

Acr Messina, Sciotto: “Questa salvezza è più importante della promozione”

acr messina salvezza
Il Messina, a quota 39 punti, con l'esclusione del Catania, è definitivamente salvo, occupando la quattordicesima piazza e ritrovandosi, quindi, fuori dalla zona rovente dei playout

Il giorno dopo è ancora più bello. La vittoria di ieri pomeriggio contro il Taranto può essere la svolta per rilanciare la squadra di Sciotto nella prossima stagione.

Il Messina, a quota 39 punti, con l’esclusione del Catania, è definitivamente salvo, occupando la quattordicesima piazza e ritrovandosi, quindi, fuori dalla zona rovente dei playout. Resta una sola giornata da disputare (sabato prossimo ancora in casa contro la Turris, non considerando l’ultima contro il Catania già retrocesso) ma, date le circostanze favorevoli, non ha più molto senso fare calcoli.
La dirigenza ha tutto il tempo adesso per programmare il prossimo campionato puntando ad una salvezza tranquilla.

Le parole del presidente Sciotto sono illuminanti in tal senso: “La salvezza che abbiamo conquistato oggi – ha detto – per me ha un valore diverso rispetto alla vittoria nello scorso campionato, penso sia addirittura più importante. Gli obiettivi ad inizio stagione erano diversi, puntavamo al sesto posto, ma le cose sono andate diversamente. Dedico questo importante traguardo a mio fratello Pippo, recentemente venuto a mancare”. E sul futuro: “Quello che farò ancora non lo so, deciderò nelle prossime due settimane; la prima cosa per me era riuscire a salvare il Messina. Finire eventualmente con una retrocessione sarebbe stato come distruggere il duro lavoro fatto in questi cinque anni di presidenza”.

Quella contro il Taranto è stata la vittoria numero 10 in campionato, la settima ottenuta tra le mura amiche. Ottimo il rendimento di mister Raciti che ha condotto alla salvezza una squadra apparsa allo sbando alle prime giornate: 25 punti totalizzati, a fronte dei 14 del girone di andata con il precedente allenatore. Convincenti anche le prestazioni della difesa, che ha blindato la porta di Lewandowski per la terza gionata di fila.
Proprio mister Raciti, in conferenza stampa, si è espresso così: “Sarebbe bastato un pareggio sia a noi che a loro. Il nostro obiettivo però era vincere per raggiungere la matematica salvezza e festeggiare insieme ai nostri tifosi. È stata una giornata perfetta, siamo molto soddisfatti. Se resterò anche il prossimo campionato? Questo ancora non lo so, sarà la dirigenza a fare le opportune valutazioni. So solo che un pezzo del mio cuore rimarrà a Messina e al Messina perché quello che abbiamo fatto è straordinario”. Raciti si toglie anche qualche sassolino dalle scarpe: “In questi mesi di gestione della squadra ho ricevuto molte critiche per la mia inesperienza nella categoria. Critiche ingiuste visti i risultati ottenuti. I numeri sono dalla mia parte, e ovunque sia andato ho sempre centrato l’obiettivo prefissato dalla dirigenza. Il lavoro ripaga sempre, ma anche il rapporto che si è instaurato con i giocatori ha determinato la buona riuscita del mio lavoro. È un gruppo straordinario”.




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email