Skip to content

Amministrative, è partito da Giampilieri il tour elettorale di De Domenico

De Domenico a Giampilieri
Il primo tour nei villaggi dell'esponente politico ha toccato anche Giampilieri Marina, Briga San Paolo, Briga Superiore, Altolia e Molino

“È la nascita di qualcosa di nuovo che germoglia e si radica; la metafora perfetta per riassumere quella svolta culturale che vogliamo per la città e che dovrà cancellare ogni distinzione tra centro e periferie”.

Il primo tour nei villaggi dell’esponente politico ha toccato anche Giampilieri Marina, Briga San Paolo, Briga Superiore, Altolia e Molino.

È partito, oggi, da Giampilieri il viaggio elettorale nei 48 villaggi cittadini di Franco De Domenico, candidato sindaco per la coalizione di centrosinistra a Messina.
L’esponente politico ha visitato Giampilieri Marina, Giampilieri Superiore, Briga San Paolo, Briga Superiore, Altolia e Molino.

A Giampilieri Superiore, nel giardino di piazza Pozzo, De Domenico ha piantato un seme di limone: “Piantare un seme significa dare vita a qualcosa di nuovo – spiega – proprio come nuova è la nostra visione per questa città. Il seme germoglia, cresce e si radica. È la metafora perfetta per riassumere quella svolta culturale che vogliamo per una Messina che dovrà cancellare ogni divisione sociale, ogni distinzione tra centro e periferie”.

“Una città – ha aggiunto il candidato sindaco del centrosinistra – che deve tornare a respirare aria di normalità, superando tutte quelle emergenze che da troppo tempo le tarpano le ali. Una città che trovi nella coesione la forza per attrarre investimenti, al pari di quanto stanno facendo tanti altri territori meridionali”.
Franco De Domenico ambisce a una Messina finalmente europea, “nella sua capacità di garantire qualità della vita ai propri cittadini. Inoltre, bisogna creare le condizioni migliori per la nostra comunità all’interno della quale la politica non sia più terreno di contrapposizione, ma di confronto leale e costruttivo”.

De Domenico ha visitato anche case private, messinesi che hanno aperto le porte delle loro abitazioni per raccontare problemi personali, ma con grande dignità e nutrendo ancora speranza: “Questi villaggi – ha affermato il candidato sindaco – devono essere pietra miliare nella memoria storica della Messina che vogliamo. Qui Il fango che travolse queste zone deve trasformarsi in terra fertile, ambiente di rinascita e di riscossa”.

 

Poi una riflessione sul referendum Montemare.

“Non basta dire no al referendum – ha concluso -. Oggi la distanza geografica dei villaggi dal centro è anche distanza di opportunità e differente qualità di servizi e occasioni di sviluppo. Bisogna opporsi all’idea che l’autonomia possa risolvere i problemi, ma allo stesso tempo offrire alternative concrete, basate su serie e reali politiche di decentramento”.




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email