Skip to content

Barcellona: Emergenza rifiuti al mercato ortofrutticolo

Emergenza ambientale Barcellona_MessinaWebTv_Politica
Grave "pericolo ambientale"

È emergenza rifiuti al mercato ortofrutticolo di Barcellona Pozzo di Gotto.

“Un problema che si protrae ormai da mesi, se non da anni. Una discarica di cassette da frutta, scatole e tanto altro abbandonate e da nessuno smaltite”

“L’aspetto peggiore è che vengono quotidianamente gettati accanto ad una centralina del gas, dove è esposto un cartello ‘altamente infiammabile’.

È la denuncia che viene da alcuni abitanti del quartiere e dagli stessi lavoratori del mercato ortofrutticolo di Barcellona Pozzo di Gotto, sito nel quartiere di Nasari.

I rifiuti, a differenza di ciò che si potrebbe pensare, vengono abbandonati dai tanti che alle prime luci dell’alba vanno a comprare i prodotti ortofrutticoli, ma anche da persone di fuori che abbandonano sacchetti di spazzatura.

Si tratta di un’emergenza non solo igienico-ambientale. Si teme, infatti, il possibile propagarsi di un incendio, con conseguente esplosione della centralina del gas, che si potrebbe innescare, non solo per il caldo dei giorni estivi, e che potrebbe interessare rovinosamente tutta la zona, con conseguenze per il mercato e per le abitazioni.

Si sentono abbandonati dalle autorità competenti, dal Comune e nello specifico dal Sindaco.

“Dell’impresa che si dovrebbe occupare della pulizia della zona mercato, la Dusty, nemmeno l’ombra – ci raccontano i presenti – siamo nelle mani di nessuno, abbandonati”.

Sembrerebbe che le segnalazioni del problema siano state fatte agli uffici di competenza, ma ad oggi nessuna risposta – riferiscono.

“Il problema – dicono gli abitanti e gli addetti – potrebbe essere risolto installando telecamere di sorveglianza, per cogliere in flagranza di reato i responsabili e organizzando un sistema di raccolta rifiuti idoneo alla situazione, magari con contenitori dove poter confluire le cassette e altri rifiuti, in modo da differenziare facilmente e civilmente”.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email