Skip to content

Berrettini e Sinner sognano le ATP FINALS di Torino

tennis
Le ATP FINALS di Torino si giocheranno dal 14 al 21 di ottobre , per la prima volta, potrebbe vedere la partecipazione di ben due italiani

Ci siamo quasi: le ATP FINALS di Torino che si giocheranno dal 14 al 21 di ottobre sono alle porte e cresce l’attesa per un torneo che, per la prima volta, potrebbe vedere la partecipazione di ben due italiani.

Matteo Berrettini è ormai a un passo dalla qualificazione mentre Jannik Sinner, già certo della presenza alle Next Gen di Milano, sogna in una impresa che avrebbe del clamoroso.

 

Berrettini, nonostante Djokovic, è ormai tra i migliori al mondo

 

Con Djokovic, Medvedev e Tsitsipas che sono già certi della partecipazione alle ATP FINALS, cresce l’attesa per scoprire chi saranno gli altri cinque tennisti che prenderanno parte all’ultimo torneo stagionale. Come ci racconta Ubitennis, Rublev e Berrettini attendono solo l’ufficialità che coronerebbe una stagione da sogno in cui sono sempre riusciti a esprimersi ai livelli dei migliori. Soprattutto Berrettini, nonostante l’infortunio agli addominali patito agli Australian Open, è riuscito a compiere un significativo salto di qualità che gli ha permesso di raggiungere i quarti di finale al Roland Garros e agli US Open, le finali a Wimbledon e Madrid e, soprattutto, a portarsi a casa la vittoria del torneo sull’erba londinese del Queen’s. Il fatto che Matteo sia ormai competitivo su ogni superficie certifica il suo ottimo stato di forma e gli permette di risiedere stabilmente in TOP 10. Alle ATP FINALS di Torino, come di consueto, secondo le scommesse di Winbet, il favorito per la vittoria finale sarà il serbo Novak Djokovic, ma la sensazione è che con la spinta e il sostegno del pubblico di casa l’alfiere romano possa regalare più di qualche soddisfazione.

 

 

Sinner continua a migliorare

 

Mentre Berrettini ricopre la sesta posizione nella Race verso Torino, all’undicesimo posto troviamo Jannik Sinner. Come raccontato da Tennis Fever, il ventenne di San Candido sembra aver superato il periodo difficile che ha accusato tra aprile e luglio e pare essere tornato ai livelli cui ci aveva abituato a inizio stagione quando era riuscito a conquistare la finale al MASTERS 1000 di Miami. Sinner è uno dei prospetti più interessanti del circuito: dotato di un ottimo servizio e di una varietà di colpi invidiabile, riesce a esprimersi ad alti livelli su ogni superficie anche se il lavoro da fare soprattutto sull’erba è ancora tanto. A differenza di Musetti, che sembra essere dotato di più talento puro, Jannik è più pronto fisicamente e dal punto di vista mentale, nonostante qualche preoccupante passaggio a vuoto che ha scatenato le polemiche dei soliti detrattori pronti a criticare non appena si presenta la prima occasione. Alle spalle di Jannik, il tennis azzurro sorride anche grazie all’ottimo momento di forma di Lorenzo Musetti che sta crescendo di settimana in settimana e che, come accaduto a Sinner, l’anno prossimo è atteso al definitivo salto di qualità.

 

Le ATP FINALS di Torino si avvicinano e non vediamo l’ora di scoprire se oltre a Berrettini, che come raccontato da Eurosport sembra ormai sicuro del posto, anche Jannik Sinner riuscirà a rendersi protagonista di una storica impresa.

 




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email