Skip to content

Capo d’Orlando, si barrica in banca minacciando i dipendenti, arrestato per tentata violenza privata

CapoD'Orlando_SiBarricaInCasa_MessinaWebTv_Cronaca
L'uomo pretendeva di cambiare un assegno quando gli sportelli erano già chiusi. Dovrà rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale

Si è chiuso dentro una banca minacciando i dipendenti ed impedendogli di uscire perché non gli avevano cambiato un assegno.

I Carabinieri della Stazione di Capo d’Orlando in collaborazione con gli uomini della Polizia di Stato, hanno arrestato una persona per tentata violenza privata e resistenza a pubblico ufficiale.
Tutto è accaduto nel pomeriggio di ieri, quando un uomo, dopo essersi recato presso la filiale di un istituto di credito con sede nel centro orlandino per monetizzare un assegno bancario, alla notizia che la sua richiesta non poteva essere accolta in quanto gli sportelli erano già chiusi e non più operativi, ha iniziato a minacciare i dipendenti bloccando la bussola posta all’ingresso per impedire agli stessi di poter uscire dall’istituto di credito. L’uomo, già noto alle forze di polizia, ha continuato la sua azione di resistenza anche nei confronti dei militari dell’Arma e degli agenti della Polizia di Stato, nel frattempo giunti sul posto, ai quali ha opposto resistenza impedendo l’accesso all’interno della banca.
Il coordinamento e la sinergia tra le due Forze di Polizia hanno consentito, dopo aver messo in sicurezza i dipendenti della banca, di far desistere l’uomo dal suo comportamento e di arrestarlo, in flagranza di reato.
L’uomo, su disposizione della Procura della Repubblica di Patti, si trova adesso agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, in attesa dell’udienza di convalida.




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email