Skip to content

Concluso a Genova il decimo congresso di SLOW FOOD

SLOW FOOD
le discussioni e l’elezione del nuovo Consiglio direttivo che traccerà il cammino di Slow Food nei prossimi quattro anni

La sfida di un destino comune è il fil rouge che ha guidato gli interventi, le discussioni e l’elezione del nuovo Consiglio direttivo, l’organo di governo che traccerà il cammino della Chiocciola nei prossimi quattro anni.

Eletto il nuovo Consiglio direttivo nazionale.

A farne parte anche la catanese Roberta Billitteri, che dopo la laurea in Scienze politiche, un master in Affari internazionali e aver lavorato nel mondo della cooperazione internazionale, dal 2009 vive a Polizzi Generosa, cittadina situata nel Parco delle Madonie, occupandosi di “agri-cultura” e coltivando il Fagiolo Badda di Polizzi e una varietà di peperone locale, entrambi Presídi Slow Food.

 

Parte 1: sabato 3 luglio mattina

 

Con lei nel nuovo consiglio direttivo nazionale ci sono: il campano Giacomo Miola, presidente di Metafarm Social Food Lab, organizzazione culturale che si occupa della valorizzazione del patrimonio gastronomico e la relativa comunità locale; la toscana Barbara Nappini, fondatrice dell’associazione Il Grano e le Rose, che organizza attività con lo sguardo rivolto a uno stile di vita sostenibile e responsabile; il lombardo Raoul Tiraboschi, avvocato civilista che si dedica all’inserimento di persone in svantaggio sociale e alla produzione e commercializzazione di verdura biologica; l’umbro Federico Varazi, coordinatore di un gruppo di ricerca della Sezione di storia delle Geoscienze della Società Geologica Italiana e di altri progetti.

 

Parte 2: sabato 3 luglio pomeriggio

 

Tra i temi sollevati durante il congresso: l’impegno a rivalutare e migliorare la qualità del cibo nelle mense scolastiche e il sostegno alla campagna nazionale per l’approvazione della legge sull’agricoltura contadina proposta da Slow Food Campania.

 

Parte 3: domenica 4 luglio mattina

 

Approvate alcune mozioni poste in votazione, quali: l’impegno a lavorare per costruire “la Slow Food degli ecosistemi”, a combattere il consumo di suolo rafforzando il ruolo dell’agroecologia, e l’invito a lavorare per garantire la vaccinazione alle categorie meno abbienti e alle fasce di popolazione più deboli, sia sul territorio nazionale, che in altri paesi. Inoltre, facendo seguito alla proposta di Slow Food Emilia Romagna e Slow Food Toscana di piantare un albero per ogni socio Slow Food nei prossimi quattro anni, la Fondazione AlberItalia – Enegan, azienda che produce energia verde al 100%, si impegna a sostenere l’iniziativa e a piantare da subito – all’interno del Consorzio Forestale del Ticino – 250 alberi nominativi, uno per ogni delegato presente a Genova, che contribuiranno all’assorbimento di 17,5 tonnellate di CO2. (fonte Carmelo Maiorca)

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email