Skip to content

Covid a Messina: Zero decessi, 209 ricoveri (in città 171), 887 positivi (in città 365)

covid-report
Mentre la situazione sembra stabilizzari (ieri 4 decessi ed oggi nessuno) dal Gruppo di iniziativa civica "RispettoMessina" attaca il Sindaco


RICOVERI del 22-01-2022

—–@—-

I controlli per i GREEN PASS (22/01/2022)

 

GREEN PASS: PERSONE CONTROLLATE: 1.293
GREEN PASS: PERSONE SANZIONATE: 0

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE: PERSONE CONTROLLATE E SANZIONATE: 16

ATTIVITÀ O ESERCIZI CONTROLLATI: 190
TITOLARI DI ATTIVITÀ O ESERCIZI SANZIONATI: 1

—–@—-

 

#InfoVax – 3° Dose dagli Over 40

💉 Se hai più di 40 anni, ed hai completato da almeno 5 mesi il ciclo vaccinale, puoi ricevere la 3° dose come richiamo per migliorare le tue difese immunitarie contro il #Covid19.

📌 Puoi recarti in qualsiasi Hub Vaccinale dell’Area Metropolitana di Messina o prenotarti sul sito di www.siciliacoronavirus.it

—–@—-

 

#InfoVax – Over 50

📌L’orario attuale di apertura dell’Hub al pubblico per le vaccinazioni, è ogni giorno, festivi compresi, dalle 8.30 alle 20, è prolungato fino alla mezzanotte.

💉Potranno accedere solo gli ultracinquantenni per fare prima, seconda o terza dose di vaccino, senza prenotazione.

 

—–@—-

Mentre la situazione sembra stabilizzari (ieri 4 decessi ed oggi nessuno) dal Gruppo di iniziativa civica “RispettoMessina” riceviamo:

“Quasi mille nuovi positivi in un solo giorno riscontrati a Messina ed in tutta la provincia.

È un dato preoccupante, ma che viene accolto quasi con indifferenza, e senza che ci sia alcuna reazione da parte delle varie realtà istituzionali.

Così come viene accettato acriticamente il fatto che a Messina città, anche se in maniera altalenante ci siano, attualmente, migliaia e migliaia di persone positive al Covid; anche se ciò comporta serie difficoltà per le varie strutture sanitarie, costrette a ridurre altri servizi, per fare fronte a questa nuova, ma, prevedibile ed annunciata, ondata. Ed in un momento così delicato sarebbe quanto mai opportuno intensificare tutti gli interventi da porre in essere per contenere la diffusione di tali contagi, così come sta avvenendo ovunque.

Ma a Messina è andata “in onda” ed “in rete” un’altra realtà, fatta di teatrali “attendamenti” mediatici, e roboanti proclami che, in ultima analisi, miravano ad ingraziarsi fasce di elettori ascrivibili ai cosiddetti “no green Pass” o “no vax“. Mentre, in maniera incomprensibile ed ostinata, dopo la macroscopica sottovalutazione dei mesi scorsi, si continua a non volere emettere disposizioni restrittive e di contenimento del virus, consentendo e tollerando comportamenti irresponsabili da “liberi tutti” in tanti spazi e contesti pubblici, sia di giorno che di sera e di notte, limitandosi ad adottare provvedimenti forzati e contraddittori, solo per gli istituti scolastici, dove, invece, è possibile attuare controlli più accurati rispetto ad altri “ambienti”.

E ciò nonostante la crescita esponenziale del numero dei contagi e dei ricoveri ospedalieri, e le condizioni di estrema difficoltà in cui, talvolta, si può trovare chi è costretto a ricoverarsi in punti-covid improvvisati e non adeguati.

Ma va evidenziato un dato incontrovertibile. Con tale comportamento, reiterato ormai da mesi, si sfugge alle responsabilità specifiche inerenti il ruolo di Sindaco del Comune di Messina e di responsabile locale per la tutela della salute pubblica, e di Sindaco della Città Metropolitana, in cui non è stata mai attivata la Conferenza dei Sindaci che opera, come avviene in altre realtà territoriali, in sintonia e raccordo con l’Azienda Sanitaria Provinciale. E con tali mancati interventi, così come è facile riscontrare, si rischia, anche se inconsapevolmente, di supportare una deleteria e distorta visione che tende a minimizzare, se non a negare, quanto continua ad accadere.”

 




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email