Skip to content

Covid: De Luca torna in campo !

DeLuca-08
De Luca chiederà la “zona rossa” di 3 settimane per Messina e la chiusure di TUTTE le scuole sino il 31 gennaio

Lo aveva già annunciato giorni or sono (vedi ) ed ora, alla luce della situazione “tragica” degli ospedali cittadini e della perdurante inefficienza dell’ASP guidata dal dottor La Paglia la decisione del Sindaco De Luca sembra presa.

Si dice che la notte porti consiglio e De Luca questa notte ha postato un video nel quale spiega che alla luce della situazione, effettuati una serie di passaggi, chiederà la “zona rossa” di 3 settimane per Messina e la chiusure di TUTTE le scuole sino il 31 gennaio.

– Terapia Intensiva quasi esaurita nella sua capacità di accoglienza,
– ASP che non adempie ai compiti istituzionali a supporto di coloro che sono in quarantena,
– Diffusione del contagio più altro di tutta la Sicilia,
– Governo Regionale che volta la testa guardando altrove:

Da qui l’esasperazione del primo cittadino che non vuole più stare a guardare !

 

A dimostrazione dell’inefficenza denunciata dal Sindaco pubblichiamo il dati forniti dal Commissario ad acta il quale aggiunge una nota allarmante sulla impossibilità di calcolare l’incidenza reale ed attesta i colpevoli ritardi della struttura sanitaria

 

Qui invece si puà scaricare la Relazione epidemiologica relativa a Messina

 

—–

Anche la Cgil prende posizione nei confronti della direzione dell’ ASP di Messina:

 

Continua la gestione sommaria dell’ASP di Messina. Ancora ad oggi nessuna notizia per la proroga del contratti dei Tecnici della prevenzione.

A nulla sono valse le nostre sollecitazioni formali ed informali sin da Ottobre 2020 e come di prassi l’Azienda non riscontra le note trasmesse.

Ormai è routine l’inefficienza dell’ASP, le cui lacune pesano come macigni sui lavoratori e sui fruitori.
Qualche giorno fa siamo dovuti intervenire, dichiarano Francesco Fucile Segretario Generale della FPCGIL, Antonio Trino Segretario Provinciale con delega alla sanità e Giuseppe Romeo RSU FPCGIL, per scongiurare un interruzione del contratto ai lavoratori in scadenza e oggi si ripresenta la questione con altri lavoratori il cui contratto scade a metà di questo mese.
Se si rincorre il tempo e diventa urgente l’ordinario, continuano Fucile, Trino e Romeo, siamo di fronte ad un’organizzazione inesistente la cui evidenza è ormai esplosa: ma il responsabile rimane ancorato alla sua poltrona!
A nulla valgono le giustificazioni, che sono diventate un alibi, legate all’emergenza Covid-19, sostengono Fucile e Trino, perché sulla questione odierna che riguarda i Tecnici della Prevenzione il cui contratto di tipo libero professionale è in scadenza, avevamo scritto ad ottobre senza ricevere una risposta.
Questi lavoratori, il cui apporto professionale è indispensabile, potrebbero essere stabilizzati se l’ASP attivasse le relative procedure di stabilizzazione ai sensi dell’art., 20 comma 2, del DLgs 75/2017, anche perché sono gli unici precari di questo profilo ad averne i requisiti e la pianta organica è fortemente carente, dichiarano Fucile, Trino e Romeo, ma è impensabile che al danno della mancata stabilizzazione si aggiunga la beffa del mancato rinnovo del loro contratto.

Chiediamo che il Direttore Generale dr La Paglia dia un segno tangibile della sua presenza, concludono Fucile e Trino, e ponga in essere le iniziative propedeutiche necessarie sia al rinnovo che alla stabilizzazione, senza tergiversare, perché non ha alcuna scusante.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email