Skip to content

Elezioni, firmato il decreto di indizione dei comizi elettorali

elezioni comunali urna
Si vota il 12 giugno dalla 7 alle 23 in 120 comuni della Sicilia. Le liste potranno essere presentate dal 13 al 18 maggio. Alle urne anche per i quesiti referendari nazionali e, a Messina, per "Montemare"

L’assessore regionale alle Autonomie locali, Marco Zambuto, ha firmato questa mattina il decreto di indizione dei comizi per le elezioni amministrative che si terranno in Sicilia domenica 12 giugno. Si voterà in una sola giornata, dalle 7 alle 23. Contestualmente si voterà anche per i quesiti referendari nazionali e, a Messina, per l’istituzione del nuovo comune “Montemare”. Lo spoglio delle schede per il voto delle elezioni amministrative inizierà dopo quello per i referendum nazionali, che dovrà avvenire simultaneamente in tutta Italia.

SI VOTA IN 120 COMUNI. Ad essere interessati dalle consultazioni elettorali sono 120 Comuni, 107 con il sistema maggioritario (fino a 15 mila abitanti) e 13 con quello proporzionale (nei quali l’eventuale ballottaggio si terrà il 26 giugno). I consiglieri comunali da eleggere sono 1.520 e le sezioni elettorali che saranno costituite sono 1.747. La popolazione coinvolta è di 1.710.451 abitanti, di cui 900.823 anche per le elezioni dei presidenti di circoscrizione e dei Consigli circoscrizionali (657.561 a Palermo e 243.262 a Messina).

QUANDO SI VOTA. Le urne saranno aperte solamente domenica 12 giugno, dalle 7 alle 23. L’elettore – sia per il Consiglio comunale che per quello circoscrizionale – può esprimere una o due preferenze della stessa lista, ma di genere diverso: una femminile e una maschile. Il voto espresso per una lista si estende al candidato sindaco a essa collegato e non viceversa: il cosiddetto “effetto trascinamento”. Prevista anche la possibilità del “voto disgiunto”, che rende libero l’elettore di votare separatamente per un candidato sindaco e per una lista a questo non collegata.

PRESENTAZIONE DELLE LISTE – Le liste dei candidati a sindaco, al Consiglio comunale, a presidente di circoscrizione e al Consiglio circoscrizionale vanno presentate da venerdì 13 a mercoledì 18 maggio (alle ore 12).

REFERENDUM “MONTEMARE”. Nella sola città di Messina si voterà anche per il referendum sull’istituzione del nuovo Comune “Montemare”, formato da dodici villaggi della fascia collinare e costiera tirrenica del capoluogo.

L’AFFLUENZA. Durante le operazioni di voto, sul sito istituzionale della Regione, saranno pubblicate tre rilevazioni (alle 12.30, 19.30 e 23.30) sull’affluenza degli elettori alle urne, con il raffronto dei dati rispetto alle ultime elezioni amministrative dei Comuni interessati.

LO SCRUTINIO. Lo scrutinio avrà inizio dopo il completamento delle operazioni di spoglio delle schede relative ai cinque referendum sulla giustizia, che si terranno nello stesso giorno. I dati provvisori, man mano che verranno trasmessi dalle prefetture territorialmente competenti al dipartimento regionale delle Autonomie locali, saranno immessi sul sistema Idec (realizzato con la collaborazione dell’assessorato dell’Economia e della società Sicilia digitale), elaborati dal programma e pubblicati in tempo reale.

I COMUNI PIU’ GRANDI. Si vota in due capoluoghi di provincia: Palermo e Messina, dove le consultazioni riguardano anche le 8 circoscrizioni di Palermo e le 6 di Messina. Alle urne anche altri grossi centri: Palma di Montechiaro e Sciacca, nell’Agrigentino; Niscemi, in provincia di Caltanissetta; Aci Catena, Palagonia, Paternò e Scordia, nel Catanese; Pozzallo e Scicli, in provincia Ragusa; Avola, nel Siracusano; Erice in provincia di Trapani.

Scopri tutti i comuni al voto. Leggi anche:  Trentotto comuni della provincia di Messina alle urne il 12 giugno




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email