Skip to content

Elezioni: la Timbro rinuncia

Timbro_MessinaWebTv_Politica
La dichiarazione dell'On. Maria Flavia Timbro riferita all'imminente chiusura delle liste per le prossime elezioni politiche

«Ho trascorso più di vent’anni a fare politica fuori dalle istituzioni e a quanto pare continuerò a farlo. 

Il 4 agosto in occasione della direzione nazionale di Articolo UNO che avrebbe dovuto votare la rosa dei nomi dei candidati da consegnare al segretario del PD, Enrico Letta, ho rassegnato – in accordo con gran parte del partito siciliano – la mia indisponibilità a candidarmi nel listone unitario, PD – Italia democratica e progressista

Non ho e non abbiamo condiviso lo spirito con il quale si è condotta questa operazione politica che, temo, si rivelerà miope ed autoreferenziale. 

Non ho e non abbiamo compreso quale sarà la prospettiva politica che il 26 settembre attenderà il nostro partito, Articolo Uno, che ha scelto di non ascoltare i propri iscritti e i propri territori non presentando una propria lista, ma di confluendo in una lista unica della quale è “cofondatore”, facendo correre appena 4 candidati  in posizione eleggibile nella lista PD – Italia democratica e progressista, abdicando di fatto al proprio ruolo e determinando quella che più che un’alleanza elettorale appare come una vera e propria annessione partitica. 

La politica, a mio avviso, non si può e non si deve fare in questo modo. 

Non si può parlare di composizione delle liste senza parlare di progetti politici, non si può parlare di posizionamenti senza parlare di persone, di comunità, di territori. 

La nostra è una piccola comunità, certo, ma è una comunità coerente e radicata, una comunità che si è resa punto di riferimento credibile per il nostro territorio e che, per questo, cinque anni fa è riuscita ad eleggere un suo deputato. 

Un deputato degno certamente, ma calato dall’alto. 

Oggi, quella modalità di selezione dei rappresentanti si ripete, il sistema verticistico di composizione delle liste ha tolto di nuovo a questa città l’opportunità di avere un suo esponente a Montecitorio. 

Una scelta ingiusta e priva di prospettiva politica alla quale io, noi, non intendiamo più prendere parte. 

Questo modo di fare politica distante dai cittadini e dai territori non appartiene alla nostra cultura e a quella della nostra comunità. 

Per questa ragione, senza alcuna polemica, ma con amarezza e spirito fortemente critico, non prenderò parte a questa competizione elettorale. 

Io a queste condizioni non gioco. 

Preferisco restare dalla parte della gente, dalla parte degli elettori e delle elettrici che sempre più spesso- e a ragione – si sentono distanti dalla politica e dai partiti. 

A queste condizioni, preferisco restare a condurre le mie battaglie porta per porta, strada per strada, provando a cambiare le regole di un gioco che soffoca i dirigenti per fare spazio al ceto politico»

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email