Skip to content

I particolari raccapriccianti del caso Graziella Campagna

campagna_MessinaWebTv_Società
“Graziella non è solo vittima di mafia, ma è vittima della Stato”

I dettagli del ritrovamento del corpo rannicchiato nel piazzale di Forte Campone, la manina, le spalle, lo stomaco e la testa devastati dai cinque colpi di lupara esplosi a distanza ravvicinata, le ginocchia graffiate per essere stata costretta a stare in ginocchio, sicuramente durante l’interrogatorio mentre supplicava di aver salva la vita.

Piero Campagna, ex carabiniere e fratello di Graziella, trucidata dalla mafia nel 1985, ha ripercorso dettagliatamente i passaggi delle indagini e del lunghissimo processo, soffermandosi sui depistaggi, facendo nomi e cognomi e sottolineando alcuni aspetti cruciali del processo.

Ma ha raccontato anche i sogni di una ragazzina. Sogni infranti da cinque colpi calibro 12. Lo sgomento della mamma alla notizia.

Questo e tanto altro è stato raccontato al pubblico presente al convegno Il caso Graziella Campagna: dov’è finita la giustizia, tenutosi lo scorso 15 luglio nella Sala Antiquarium del Comune di Rodì Milici, presente anche l’altro fratello Pasquale, che ha messo il dolore, la rabbia di allora e di adesso dell’intera famiglia per la semilibertà concessa, qualche mese fa, all’assassino della piccola Graziella.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email