Skip to content

Il valore del mercato dei videogiochi e come e perché crescerà sempre di più nei prossimi anni

gioco
L’industria del gaming in Italia vale 2,2 miliardi di dollari

L’industria del gaming in Italia porta al “Bel Paese” numeri che difficilmente ci si potrebbe aspettare, questo settore vale infatti 2,2 miliardi di dollari (quindi più di musica, streaming e cinema messi assieme),complice anche l’arrivo della pandemia che ha ovviamente alzato la richiesta di intrattenimento e svago in formato casalingo.

 

I videogiochi contribuisco anche da un punto di vista occupazionale, basti pensare che in Italia abbiamo un numero complessivo di 160 imprese che operano in questo settore, per un totale di circa 1600 addetti. Il dato più interessante emerso da questi studi è che di tutti questi dipendenti, più dei due terzi hanno meno di 36 anni.

In un mondo dove la disoccupazione giovanile è un problema sempre più presente, questo ambito non sembra essere scalfito più di tanto, sicuramente anche per le competenze e conoscenze richieste che si addicono molto di più alla fascia giovanile della nostra popolazione.

Le persone sono quindi sempre più interessate al mondo dell’intrattenimento virtuale. Probabilmente, per l’enorme potenziale da sfruttare e anche per le vantaggiose offerte proposte dagli sviluppatori.

Questi ultimi infatti spesso offrono ai nuovi giocatori che si iscrivono a casinò online dei giri gratuiti alle slot machine più ambite , contenuti esclusivi e molto altro, come premio di benvenuto all’interno delle loro piattaforme virtuali per attrarre e ringraziare gli utenti che hanno deciso di rivolgersi a loro per divertirsi e trascorrere del tempo libero.

 

Quali sono invece le previsioni per i prossimi anni di questo “nuovo” settore?

Secondo le più recenti stime, grazie ai 45 milioni di euro di investimenti previsti per questo ramo aziendale, faranno aumentare il fatturato delle società italiane che si occupano di videogame dai 90 attuali a 357 milioni di euro.

Oltre a ciò, ci sarà anche un importante incremento del numero di posti di lavoro in questo specifico settore.

Abbiamo quindi capito che il nostro mondo è sempre più avvincente e attrae un numero sempre maggiore di ragazzi e persone di età adulta. Quali sono però le motivazioni che ci hanno portato a questa nuova tendenza?

  • i giochi sono sempre più accessibili e di alta qualità, permettendo un’esperienza avanzatissima.

  • trascorrere del tempo con i videogiochi concede ai ragazzi, anche ai più giovani, di passare le serate chiacchierando con i loro amici in completa sicurezza (e, visti i tempi che corrono, con il giusto distanziamento sociale)

  • questo passatempo è ormai sdoganato e non è più soggetto a nessun tipo di stigmatizzazione

  • giocare è divertente e questo è un punto sul quale nemmeno desideriamo discutere.

Questi dati confermano quindi ciò che già era stato predetto anni fa: i tempi passano, i giochi si evolvono sempre di più e, di conseguenza, gli utilizzatori aumentano costantemente, aiutando questo innovativo mercato a crescere e a prendersi il suo meritato spazio.

Una cosa è certa, il mondo dei videogiochi non smetterà mai di stupirci (quasi sempre in positivo). Le competenze che i ragazzi acquisiscono oggigiorno, tramite questo passatempo, sono sempre più richieste dai responsabili delle risorse umane quando sono alla ricerca di nuovo personale, sveglio, da aggiungere al proprio organico.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email