Skip to content

L’Anconitana Silvia Tamburriello: informatica e radio-speaker con l’estero

Silvia Tamburriello
Il suo ruolo di volontariato durante il terremoto ha influito sulle iniziative a favore delle Marche

Un pomeriggio di Gennaio 2021 collegati su piattaforma web inizia un’interessante intervista alla Prof.ssa Silvia Tamburriello, Informatica e prodotto italiano marchigiano d’eccellenza.

All’inizio sembra esitante e intimidita da un colloquio che certamente la farà conoscere al vastissimo pubblico del giornale “America oggi 7”.
La Tamburriello sà bene che, dopo che il suo volto apparirà sul più grande giornale Italo-americano di New York, in molti riconosceranno le sue qualità.

L’approccio iniziale parte dal percorso del 1988, con la sua laurea in Scienze dell’Informazione. È stata l’occasione del coronamento dei suoi sogni ed anche quella che l’ha formata. In seguito nel 1991 un meraviglioso viaggio di quattordici giorni in America, per scoprire luoghi, persone e cose che l’hanno lasciata esterrefatta e ammaliata da quei paesaggi. Era come vedere un film pieno di colori, meteore preziose nascoste nell’universo. Da qui le cartoline colorate si dissolvevano e tutto diventava realtà: le luci di New York, San Francisco, Los Angeles, Dallas, New Orleans, Florida, insomma il mondo irraggiungibile sempre sognato.

Quel sogno concretizzato di vedere anche le Cascate del Niagara, situate a nord-est dell’America del nord, tra gli USA e il Canada sono memorie del tempo mai cancellate. Sono momenti in cui i ricordi fanno sprofondare Silvia in una catarsi purificante dagli ultimi eventi attuali. Si estranea nelle evocazione del passato e i suoi occhi neri luccicano di reminiscenze. Si, perché Silvia, da bravissima Informatica ha attinto esperienze diverse in America, cominciando dal perfezionamento della lingua inglese. Il primo periodo 1999-2000 la vede sei mesi, per lavoro, vissuti a New York, poi il ritorno in Italia; nel 2009 il nuovo ritorno a New York e tanti video, uno più spettacolare dell’altro.

Maestra delle applicazioni e della programmazione web affascina tutti con i suoi video d’alto valore. Poi l’incontro in aereo con la giornalista e Regina del “Sabato Italiano” di Radio Hofstra University, presentatrice del programma e Presidente dell’AIAE (Association of Italian American Educators) Cav. Josephine A. Buscaglia Maietta e dopo l’invito alla collaborazione del Sabato Italiano.
Da qui molti gli incontri interessanti: Mets City Field, all’Istituto Italiano di Cultura, al Consolato italiano a New York, la Nazionale Italiana Attori alla Columbus Day Parade e al Belson Stadium. Avvincente il contatto con Mauro Torta, con interviste ai marchigiani all’estero. Arriva, quindi, un altro personaggio, Anthony Pasquale, producer di alcuni programmi di Radio ICN New York che le viene presentato all’annuale “Italian Experience Festival Hofstra University“, il quale le propone collaborazione e Silvia lancia il prestigioso programma: “Cari Amici Vicino e Lontano”, responsabile del lancio su ICN di Paolo Teti e Miss Mamma Italiana. In seguito, l’Ancona Beat Festival, dove conosce l’avvocato Stefano Spazzi con il quale condivide l’amore per gli anni sessanta.

Il suo ruolo di volontariato durante il terremoto ha influito sulle iniziative a favore delle Marche.
È da tali progetti che ha fatto conoscere il suo lato giornalistico, poi rivelatosi ancora più influente, quando si dedica ad altre passioni come quella del mondo del calcio, così Ufficio Stampa nella ” Stella D’Oro”, calcio femminile di Ancona. Inizia a creare articoli, inviandoli ai media locali, riprese e foto durante le partite e allenamenti. Molti altri progetti l’hanno vista protagonista: VOCE dall’Italia all’Argentina” con l’amico Javier Lucca; “VOCE alla Radio” sulla CNN Radio Radio di Rosario; Italia UNOdi Adelaide, con Cathy Papandrea e Vincenzo Papandrea “All’Ora del caffè”. Silvia ha da poco avuto la gioia della confermata collaborazione con la Radio Internazionale, Genk, Belgio come corrispondente dall’Italia nel programma “Italia in Dire”. Un personaggio, quindi, che si è fatto strada in tutti gli ambiti, persino nella scuola superiore, dove insegna dal 2016 la materia Informatica. Attualmente presta servizio presso IIS Volterra Elia di Ancona.

Ai suoi allievi la Tamburriello indica, nel periodo di Pandemia, l’opportunità di avvicinarsi al web. “È importante imparare a conoscere l’entita del valore informatico, la progettazione e la costruzione in rete”. È quel mondo affascinante che la Prof.ssa ama. Invita suoi studenti, vista l’opportunità mediatica di questo periodo, di accrescere la loro cultura, di approdare nel mondo attuale del virtuale, che potrà offrire grandi opportunità nel mondo del lavoro. Agli Italoamericani vuole dire che non li ha mai dimenticati e che gli è vicina. Con i programmi che svolge in radio elargisce un abbraccio immenso a tutti da Ancona, all’America, Argentina, Australia e Belgio.

Alla nostra Informatica Italiana si vuole augurare, Ad maiora semper!

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email