Skip to content

Lega Pro: Messina-Benevento 2-0

acr-1
Seconda vittoria della gestione Capuano in casa contro il Benevento dopo una prestazione convincente davanti al pubblico amico.

Seconda vittoria della gestione Capuano in casa contro il Benevento dopo una prestazione convincente davanti al pubblico amico.

Messina che parte con Gonçalves titolare, per la prima volta dopo il cambio allenatore. In avanti fiducia a Vukusic ed il bomber Adorante. La partita inizia in modalità lenta: le squadre si studiano senza troppe emozioni.

Nella prima mezz’ora si registra solo un passaggio filtrante per Adorante che non arriva per pochi centimetri, ed una uscita del portiere giallorosso in anticipo su un attaccante avversario. Al 35′ Vukusic lamenta un problema fisico e viene sostituito da Baldè. La partita cambia ed il Messina passa in vantaggio: Adorante si libera di un marcatore e calcia verso la porta con un tiro non irresistibile, ma il numero 1 avversario non trattiene e la palla rotola in rete. I quasi 800 tifosi presenti esplodono di gioia. Il gol riempie l’autostima giallorossa che inizia a intessere una buona trama di gioco e questo porta, a fine primo tempo, al raddoppio. Cross di Morelli per Gonçalves che fa partire un bolide sotto la traversa, imprendibile, questa volta, per il portiere avversario Riccichini. Messina, quindi, che va al riposo col doppio vantaggio, mai capitato in questa stagione.

Il secondo tempo vede sempre i giallorossi partire bene ancora con un bolide di Gonçalves respinto dai pugni di Riccichini. Il Campobasso opera due cambi per dare una inversione di rotta alla propria partita e, in effetti, al minuto 60′ rischia di accorciare le distanze con un tiro da centro area di Parigi ribattuto da Morelli e, sulla respinta, un attaccante avversario raccoglie ma, per fortuna del Messina, tira sopra la traversa. Alla mezz’ora della ripresa si fa male anche Baldè sostituito da Busatto. Il Messina cerca di amministrare la partita e partire in contropiede. Da registrare un tentativo di Rossetti che, di testa, grazia il Messina girando troppo la palla ed Emmausso che tira debolmente verso Lewandoski.

Dopo sei minuti di recupero i giocatori sono liberi di festeggiare una vittoria che porta il Messina in classifica ad un solo punto dalla salvezza.

Prossima partita in trasferta a Catanzaro.

 




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email