Skip to content

Liberalizzazione dei visti per i cittadini del Kosovo

Parlamento Europeo_MessinaWebTv_Politica
Il Kosovo è l'unico Paese dei Balcani occidentali in cui i cittadini hanno l'obbligo di richiedere il visto per entrare nell'UE, anche se sono state soddisfatte tutte le condizioni poste dalla Commissione nel 2018.

Ieri 12 gennaio la Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE) del Parlamento europeo ha approvato la liberalizzazione dei visti per i cittadini del Kosovo.

L’accordo era stato raggiunto a dicembre tra il Parlamento, il Consiglio e la Presidenza dell’UE.

“L’accordo sulla liberalizzazione dei visti con il Kosovo è stato approvato dai parlamentari della Giustizia del PE con 48 voti favorevoli, 7 contrari e 3 astenuti. Successivamente, la plenaria del PE voterà sulla questione”.

La tanto agognata liberalizzazione dei visti dovrebbe entrare in vigore a partire dal 1° gennaio 2024, in concomitanza con il lancio del sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS) a livello dell’UE che elabora digitalmente i dettagli di coloro che viaggiano nel blocco.

Il Kosovo ha anche presentato domanda di adesione all’UE a dicembre, ma prevede di affrontare una dura opposizione, poiché cinque Stati membri non riconoscono la sua indipendenza, di questi fanno parte la Serbia e l’Ungheria, che hanno annunciato il loro voto contrario.

È chiaro a tutti che Serbia e Ungheria sono Stati governati da politici vicini a Putin ed in un periodo come questo, con la guerra in corso, lasciare fuori dalla UE, paesi come il Kosovo che hanno già adottato l’euro (anche se non è stato stipulato alcun accordo formale), che vogliono vivere in pace e far parte ufficialmente del mondo occidentale e dell’Unione Europea non è strategicamente una mossa intelligente.

Da parte degli Stati richiedenti si dovrebbero assolvere in tempi molto brevi tutte le richieste della UE e da parte della dell’Unione si dovrebbe velocizzare, sburocratizzando, la loro entrata nel mondo europeo.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email