Skip to content

OGGI: “Il buco” al Cineforum Orione

il buco
Mercoledi 27: Al Cinema Lux di Messina in programma il film “Il buco” per la Regia di Michelangelo Frammartino

La tradizionale programmazione del Cineforum del lunedi anche questa settimana è stata spostata ad oggi  mercoledì 27 aprile con i seguenti orari: 16,30 – 18,30 e 20,30

Al Cinema Lux di Messina in programma il film “Il buco” per la Regia di Michelangelo Frammartino.

 

 

.
Nell’agosto del 1961, i giovani membri del Gruppo Speleologico Piemontese, già esploratori di tutte le cavità del Nord Italia, cambiano rotta e puntano al Sud. Il film è stato premiato al Festival di Venezia

Fin dalla prima inquadratura de Il buco figure umane e animali si fanno strada conquistando la luce, ovvero il diritto ad esistere cinematograficamente. Per Frammartino l’entrata in scena di uomini e cose è un momento di fondamentale importanza (basti ricordare il parto della capra ne Le quattro volte, che introduceva un personaggio nell’inquadratura senza alcuna intromissione registica), e le anse dell’Abisso si rivelano a noi a poco a poco, lasciando e ritrovando le tenebre.

La profondità cava e il suo vuoto vertiginoso sono evidenziati dall’eco di un richiamo o dalla luce di un foglio che brucia, altrimenti negate alla nostra vista. La cinepresa di Frammartino, che si intrufola all’interno del buco e ci mostra la grana di ogni parete, e il Dolby Atmos, che ci fa percepire ogni respiro degli speleologi in discesa, ci regalano un’esperienza immersiva rendendoci tutt’uno con l’eroica impresa.

Ma non c’è solo l’interno del buco: ci sono anche i grandi spazi esterni, filmati senza alcuna tentazione da National Geographic. Non è infatti l’estetica fine a se stessa a interessare Frammartino, ma la relazione autentica fra gli spazi e gli esseri viventi. Nel pascolo aperto un mandriano governa le sue mucche con richiami che fanno il paio con quelli degli speleologi verso la profondità, e il racconto che lo riguarda è anch’esso speculare (e per certi versi contrario) a quello degli speleologi: sono penetrazioni (e per certi versi profanazioni) reciproche, quella degli speleologi nel territorio del mandriano, quella delle mucche e dei cavalli nel campeggio della spedizione scientifica.. (mymovies.it)




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email