Skip to content

Messina: minacce ad un Controllore ATM !

E’ dimostrato che il ricorso alle forze dell’ordine in presenza di trasgressori “esagitati” non è risolutivo

Senza mascherina e titolo di viaggio minacciano controllore con un coltello.

I poliziotti delle Volanti sono intervenuti prontamente ieri, nel primo pomeriggio, lungo il viale della Libertà, fermata del tram “Alighieri” dove, poco prima, due cittadini originari dello Sri Lanka si erano resi responsabili dei reati di minaccia e porto d’arma o oggetti atti ad offendere.

Nei confronti del controllore che aveva chiesto loro di indossare la mascherina e di mostrare il titolo di viaggio, il primo dei due ha estratto un coltello minacciandolo e insultandolo.

Il secondo ha fatto altrettanto estraendo un secondo coltello e minacciando chi, compreso quanto stava accadendo, era intervenuto in difesa del controllore.
Il secondo dei malviventi è stato altresì trovato in possesso di un grimaldello e pertanto denunciato anche per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

—— —-

Comunicato sindacale

Mariano Massaro

 L’aggressione a mano armata subita ieri dal controllore ATM che nell’espletamento delle sue funzioni ha intimato il rispetto delle regole a due utenti, è solo uno dei tanti episodi che giornalmente mettono a rischio l’incolumità dei lavoratori a diretto contatto col pubblico, soprattutto nella fase di emergenza pandemica. La solidarietà di rito e la pacca sulla spalla al malcapitato di turno non risolvono il problema della sicurezza che OR.S.A. denuncia da sempre.

Autisti, Verificatori, Assistenti alla clientela… si trovano giornalmente ad affrontare una parte consistente di utenza incivile che, percependo l’estremo isolamento dei lavoratori all’interno dei mezzi pubblici, tentano con allarmante costanza di violare le regole anti-contagio e viaggiare gratis con l’uso della forza.

L’episodio in esame non è un caso isolato è solo quello giunto agli onori della cronaca, giornalmente i dipendenti ATM denunciano al sindacato casi analoghi ma le interlocuzioni con l’azienda non hanno prodotto soluzioni credibili. E’ dimostrato che il ricorso alle forze dell’ordine in presenza di trasgressori “esagitati” non è risolutivo, la parte di utenza avvezza alla minaccia e alla violenza sa bene che spesso non ci sono pattuglie disponibili e nelle rare volte che le forze dell’ordine intervengono, per forza di cose, arrivano in ritardo…


Bisogna investire subito sulla sicurezza anche per educare i cittadini al rispetto delle regole
, è prioritario evitare con ogni strumento che questa categoria di lavoratori resti isolata all’interno dei mezzi pubblici, è necessaria una fase di “task force” coordinata, seriamente, con le forze dell’ordine atta a garantire la sicurezza dei lavoratori e la certezza di conseguenze penali per chi si permette di minacciarli, o peggio, di usare violenza nei loro confronti.


Intanto, come soluzione transitoria, nell’attesa di una migliore organizzazione del servizio, ATM dovrebbe approfittare della contingente fase di sospensione della tariffa parcheggio nelle strisce BLU, prorogata fino al prossimo 30 giugno; e invece di ricorrere in modo massicio all’annunciata cassa integrazione sarebbe opportuno ricollocare il personale nel servizio di verifica, in modo da rafforzare numericamente le squadre di controllo e limitare l’isolamento dei lavoratori durante l’espletamento delle loro funzioni.

Mariano Massaro
Segretario Generale OR.S.A

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email