Skip to content

Milioni di euro per celebrare “la città della musica” e la rinascita, ma la realtà di Messina è ben diversa

rispetto

Dal Gruppo di iniziativa civica “Rispetto Messina” riceviamo e pubblichiamo:

 

“L’amministrazione comunale intende spendere alcuni milioni di fondi pubblici extra bilancio utilizzandoli in maniera discordante e diversa dalla destinazione per cui erano stati erogati.

Ciò per una finalità che alcuni vedono come quelle operazioni di propaganda tipiche di certi regimi, definita “la città della musica” fatta di eventi musicali e festini, e che dovrebbe costituire la “rinascita della città di Messina”.

Una operazione destinata a lasciare effetti effimeri e che suona come una beffa rispetto alla “vera” realtà sociale ed economica della nostra città.

Una realtà critica e densa di difficoltà che stride con certi proclami trionfalistici veicolati sui media e che presenta, purtroppo, una serie di forti elementi negativi. Elementi i quali: il progressivo decremento demografico, con la fuga di tanti giovani che non intravedono alcuna prospettiva per il loro futuro; un aumento ( come evidenziato dalla Caritas) delle fasce di povertà e di coloro che vengono definiti i nuovi poveri, con una crescita del numero di emarginati e di “invisibili”; una diffusione incontrollata su cui spesso si sono soffermati esperti e sindacalisti, della economia sommersa e del precariato e sfruttamento dei lavoratori che si riscontra in vari settori; l’aumento del numero delle chiusure degli esercizi commerciali e di attività produttive; un peggioramento della qualità della vita e della vivibilità che vede Messina relegata agli ultimi posti fra le città italiane; il profilarsi di possibili smembramenti del territorio cittadino, a causa dello svilimento del ruolo e dell’autonomia delle realtà istituzionali decentrate; l’assoluta assenza di qualsiasi visione di sviluppo strategico basato sulla sinergia con altre realtà territoriali.

Tutti fattori che hanno portato Messina a divenire sempre di più territorio di conquista in diversi settori privati e pubblici, aspetto fino ad ora sfuggito a molti.
E questa è la realtà che và evidenziata anche se può dare fastidio a coloro che si fanno abbindolare dalle cortine fumogene.
Ed evidenziare quale è la realtà non significa come sostiene il Sindaco parlare male di Messina o volere il male della città.

Perché questa realtà và affrontata da chiunque abbia veramente a cuore le sorti di Messina, e non elusa e celata dietro operazioni propagandistiche elettorali di distrazione di massa, narrazioni da realtà virtuale e strategie furbesche ed ingannevoli da “panem et circenses”. “

 

(NdR): Pubblichiamo la nota dell’associazione guidata dall’ex Assessore provinciale Bisignano in nome del libero confronto democratico.

Noi però crediamo che tutti gli investimenti in cultura e valorizzazione del territorio siano positivi e vadano accolti per quello che sono, senza retro pensieri o “puzza sotto il naso”.
A noi interessano i fatti e non ci sembra utile il “si poteva far ben altro”.
Quello che ci stupisce invece è il silenzio assordante delle forze politiche tradizionali.
Quanto all’amico Bisignano, pur apprezzando il suo sforzo critico, ricordiamo che le Amministrazioni da lui sostenute circa le “strategie furbesche ed ingannevoli da “panem et circenses”. “ potrebbero dare lezioni…

 




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email