Skip to content

Navi da crociera ed impatto ambientale

nave

Comitato “Centro storico vivibile” ci ha inviato i filmato ed il documento che pubblichiamo:

Il breve video allegato è la testimonianza di quanto avviene quasi ad ogni attracco delle navi da crociera nell’area portuale posta in pieno centro città, ed a pochissimi metri da abitazioni, esercizi commerciali ed uffici pubblici.
Emissioni di fumi, non certo salubri, ma tossici, che si prolungano per ore, e si diffondono nell’aria creando inquinamento ambientale.

 

 

 

Navi che, inoltre, sono delle vere e proprie centrali elettriche, che causano, di conseguenza, inquinamento elettromagnetico, a cui vanno aggiunti, talvolta, un forte impatto acustico e disturbi sulla ricezione dei canali TV e sulla connessione sul web.

E tutto ciò avviene in pieno centro storico, e non, come succede in quasi tutti gli altri porti italiani che ospitano navi da crociera, ad una certa distanza dal centro.

Ma tale situazione che procura disagi viene accettata acriticamente, senza minimamente pesare a soluzioni alternative, per cercare di limitare l’impatto, pesante, in termini ambientali e non solo, inconfutabile.
Soluzioni che andrebbero ricercate nell’ambito di un ridisegno complessivo del water-front cittadino, che non può limitarsi ai pochi chilometri di costa di cui si parla, e di un processo di polifunzionalità della infrastruttura portuale, che non può essere utilizzata od essere al servizio, e solo in determinati periodi dell’anno, dalle compagnie di navigazione.”

 

(NdR): Quanto esposto da Comitato solleva la nostra indignazione e preoccupazione.
In una città dove un privato ha fatto lo sforzo di mettere i line una nave moderna e non inquinante come ELIO non è accettabile la presenza di certe “carrette”.
Siamo convinti che le Autorità preposte, Sindaco in testa, vorranno esporre i caso alle Autorità portuali e portare in Parlamento ed al Governo il problema.
Non vorremmo che i “Bla bla bla” sul clima recentemente denunciati restassero realtà !

 




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email