Skip to content

Pandemia: l’ASP inerme, De Luca prende in mano la situazione e chiude le scuole

sindaco
il Sindaco De Luca ha assunto l’iniziativa di tenere le scuole chiuse

Mentre La Paglia da lunedì 11 gennaio non ci sarà più l’ASP, con un nuovo direttore generale, tenterà di rimettere in funzione i servizi.
Nel frattempo il Sindaco De Luca ha assunto l’iniziativa di tenere le scuole chiuse rinviando a sabato u confronto e decidere se continuare a tenerle chiuse!

Si è concluso oggi alle 18,45 il tavolo Tecnico convocato dal Comune di Messina per l’esame della gestione dell’emergenza Covid in città, la programmazione delle attività di screening e prevenzione e l’adozione di eventuali misure di tutela della salute pubblica.

Al tavolo, presieduto su delega del Sindaco, dall’Assessore Dafne Musolino sono intervenuti tutti gli Assessori ed i presidenti delle Partecipate interessate. Presenti anche il Capo di Gabinetto dell’Assessore alla Salute avv. Ferdinando Croce, il Direttore Scientifico dell’IRCCS Neurolesi prof. Placido Bramanti ed il Direttore Generale dott. Vicenzo Barone. Era presente, collegata in video conferenza, il Commissario territoriale per l’emergenza Covid dott.ssa Marzia Furnari, il D.S. Asp dott. Bernanrdo Alagna, per la Protezione civile regionale era collegata l’arch. Grazia Rosa Cammaroto e per l’Ufficio Scolastico Provinciale la dott.ssa Riccio. Erano inoltre collegati in video conferenza il Papardo con il D.G. dott. Paino ed il Policlinico Universitario con il D.G. dott. Vita.

In un post pubblicato sulla pagina Facebook del Sindaco l’andamento della riunione della quale riassumiamo i dati più significativi.

Il contagio in città e nella provincia

I dati forniti dal Commissario Covid dott.ssa Furnari, attestano negli ultimi 15 giorni Messina come città con la più alta incidenza di crescita del contagio: su 10.000 abitanti sono stati rilevati il 44,39% di positivi (Palermo 21,19, Catania di 36,28 e Siracusa 26,18)

Posti letto covid : ricovero ordinario e terapia intensiva.

Di seguito i dati forniti dai Direttori Sanitari che hanno preso parte al tavolo

Posti al Policlinico: disponibili 75 – occupati 58
terapia intensiva disponibili 24 – occupati 14

Papardo: disponibili 35 – occupati 34
Terapia intensiva disponibili 12 – occupati 8

Barcellona P.G. disponibili 32 – occupati 32
NON CI SONO POSTI DI Terapia Intensiva.

Taormina: risultano 4 posti tecnici ma che non sono attivabili per carenza di personale

Tamponi negli ambiti di risanamento:

E’ stato ribadito l’impegno dell’Amministrazione ad avviare, entro la fine della settimana, la campagna di screening negli ambiti di risanamento.

Si partirà con Rione Taormina, allestendo in prossimità al Rione un punto per l’esecuzione dei tamponi sempre con modalità drive in. La Messina Social City ha manifestato la propria disponibilità a collaborare tramite i propri volontari alla organizzazione e gestione dell’area drive-in.
Al Drive in potranno accedere solo le persone che risultano residenti nel rione Taormina secondo gli elenchi già in possesso del Comune di Messina.
Prima di dare avvio alla campagna di screening si condivideranno con il Prefetto gli aspetti relativi alla gestione dell’Ordine Pubblico per ogni eventuale valutazione da parte delle Istituzioni del governo.

Al tavolo è stata condivisa la considerazione che in caso di rilevato contagio, non è possibile fare trascorrere il periodo di quarantena nelle baracche per l’impossibilità di fare rispettare l’isolamento ed il più che concreto pericolo che il contagio si diffonda in modo esponenziale.

Si è pertanto stabilito che, partendo dal rione Taormina dove si eseguirà il primo screening, in caso di esiti positivi al tampone, confermati dall’esecuzione del test molecolare, si disporrà che la quarantena venga trascorsa nei Covid Hotel già attivi e che hanno disponibilità di posti. L’avv. Croce si è impegnato a verificare la disponibilità del Presidente Musumeci per la pubblicazione di un nuovo Avviso – sulla scorta di quello pubblicato la scorsa primavera – per il reperimento di posti letto nelle strutture ricettive della città di Messina da utilizzare come Covid Hotel.
Dopo il rione Taormina si procederà con le medesime modalità nei successivi ambiti, fino ad esaurimento.
I tempi sono evidentemente serrati ed occorrerà la massima sinergia da parte dell’Amministrazione regionale per consentire di fronteggiare gli esiti della campagna di screening dei residenti negli ambiti di risanamento. Si tratta di circa 8 mila persone che verranno sottoposte ad esame test tampone per cui, attendendosi in via prudenziale anche un dato del 10% di soggetti positivi al Covid, si rende necessario individuare il prima possibile i posti da adibire a covid hotel.

Tamponi in modalità drive in area ex gazometro: esiti sopralluogo del 5/01/2021.

A seguito di ulteriore sopralluogo eseguito nella mattinata odierna dall’Assessore Musolino, sono state puntualizzate le ulteriori misure per la gestione dell’area ex gazometro in modo da evitare la congestione veicolare del traffico all’esterno dell’area che ha determinato nei giorni scorsi, in alcune fasce orarie, problemi alla viabilità cittadina.
La Caronte e Tourist ha dato la disponibilità all’utilizzo di parte del serpentone, che fungerà da area di stoccaggio per i mezzi in attesa di esecuzione del test. L’area dovrà essere gestita dagli operatori della Protezione Civile e dell’ASP in modo tale da evitare che anche questa area di attesa temporanea arrivi a saturazione, evitando dunque che si congestioni il traffico all’esterno. E’ stata stabilita una modalità di comunicazione prioritaria tra gli operatori dell’area e la polizia municipale che si occuperà di gestire la viabilità all’esterno ma sarà comunque sempre pronta a prestare assistenza all’interno dell’ex gazometro nel caso in cui ciò si rendesse necessario. Per tale ragione è stato convenuto che sarà garantito un presidio fisso della Polizia Municipale con cambio turno sul posto.
Dall’8 gennaio 2021, quindi, prenderà avvio nell’area ex Gazometro la campagna di screening su base volontaria della popolazione messinese. Per accedere all’area sarà necessario prenotarsi telefonando al numero di protezione civile 0902866 o al numero verde 800300303.
Il COC si occuperà di ricevere e registrare le prenotazioni che verranno trasmesse ogni sera alla Protezione Civile Regionale e ASP per verificare che i test vengano eseguiti solo ai soggetti previamente prenotati.
Il numero massimo di prenotazioni giornaliere sarà di 1.200 tamponi.
Le attività si svolgeranno dalle ore 8,00 alle ore 20,00.

Avvio attività di screening per gli studenti istituti superiori

L’Assessore Tringali si occuperà, di concerto con la Città Metropolitana, di acquisire la disponibilità all’esecuzione dei test tampone per gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.
Le modalità di esecuzione dei test saranno sempre quelle con drive-in. In base alle adesioni che perverranno dagli Istituti scolastici si stabilirà se tale campagna verrà eseguita nelle aree drive-in già esistenti (ex gazometro e Stadio san Filippo) oppure collocando dei gazebo nelle aree esterne degli stessi istituti scolastici che hanno spazi disponibili.
I test sono rivolti a tutta la popolazione scolastica, intesa come studenti, personale docente, personale amministrativo, tecnico e personale comunque impiegato nell’ambito scolastico.
Il Commissario Covid dott.ssa Furnari ha chiesto al Comune di Messina la disponibilità a fare sottoscrivere agli studenti una dichiarazione con autocertificazione in merito con la quale attestino se hanno contratto il covid. Su tale richiesta l’Amministrazione si è dichiarata disponibile chiarendo che trattandosi di dati sensibili, gli stessi potranno essere comunicati solo su adesione volontaria e con garanzia del rispetto delle disposizioni di legge in tema di trattamento dei dati sensibili. L’Asp provvederà ad elaborare un form che verrà poi comunicato al Comunicato.

Usca scolastiche per il personale scolastico

Il Commissario Covid dott.ssa Furnari ha manifestato la disponibilità dell’ASP a realizzare e garantire due USCA scolastiche destinate permanentemente all’esecuzione di test tamponi per la popolazione scolastica, chiedendo al Comune di Messina di individuare un locale nel quale ospitarle a titolo di comodato d’uso gratuito.
L’amministrazione ha accolto di buon grado tale dichiarazione e si attiverà per l’individuazione degli spazi, fermo restando che, in via prioritaria, si procederà all’attivazione dei drive-in scolastici.

 GESTIONE RIFIUTI – UTENZE A e A1

L’Asp di Messina ha ammesso formalmente di non riuscire a gestire il servizio di raccolta rifiuti delle utenze A, cioè dei soggetti sottoposti a quarantena in quanto risultati positivi al tampone.
Nel corso del tavolo tecnico, infatti, è pervenuta al Protocollo generale del Comune la nota prot. 1010/21 del 5/01/2021 con la quale l’ASP di messina ha comunicato al Sindaco che la ditta affidataria del servizio di raccolta dei rifiuti categoria A ha rappresentato “l’estrema difficoltà a poter espletare in maniera puntuale il servizio relativamente al Comune di Messina essendo quello più interessato all’incremento esponenziale dei positivi Covid-19 in isolamento domiciliare”, facendo presente che a fronte di 1000 utenze complessive riesce a gestire con tempestività e puntualità 600 utenze settimanali e quindi ben oltre la disponibilità precedentemente manifestata per 350 utenze settimanali e chiedendo infine di potere circoscrivere il raggio di azione dei ritiri da effettuarsi ai soli 28 Comuni della Provincia Regionale di Messina, già destinatari del servizio, escludendo quindi il capoluogo.
A fronte di tale dichiarazione, dunque, l’ASP –con nota a firma del D.G. La Paglia – ha chiesto al Comune di provvedere, ai sensi dell’art. 2 comma 3 dell’Ordinanza n. 2/rif del 25/9/2020, ad effettuare direttamente il servizio in questione tramite il proprio Gestore MessinaServizi Bene Comune, anticipando fin da ora che – come prescritto in Ordinanza – i costi del servizio resteranno comunque a carico della stessa ASP che offre un rimborso per il detto servizio entro il valore massimo di € 50,00 oltre IVA a singolo prelievo, quale costo unitario ad utenza in atto corrisposto alla Ditta Medieco Servizi, già affidataria del servizio in questione.

Il Commissario Covid si è impegnata a dedicare almeno una unità di personale che, a giorni alterni, si occupi della revisione ed aggiornamento degli elenchi categorie A e A1.
Il Commissario Covid ha inoltre chiarito che, a seguito di approfondimento sul testo dell’Ordinanza 2Rif del 25/9/2020, si considerano come rifiuti categoria A, sia quelli prodotti dai soggetti risultati positivi a test molecolare, sia quelli prodotti dai soggetti risultati positivi a tes tampone rapido in quanto l’esperienza ha dimostrato che l’attendibilità del test tampone rapido è pari al 75% e dunque non v’è ragione di attuare una differenziazione nel trattamento dei rifiuti.
L’Amministrazione ha accolto con soddisfazione tale risoluzione del Commissario, che era stata già oggetto di un primo dibattito al tavolo del 18 dicembre 2020 nel quale era stata sollevata la questione relativa all’elevato rischio di trattare come utenze A1 i rifiuti di soggetti sottoposti a tampone molecolare e che, per la maggior parte dei casi, sarebbero stati dichiarati positivi accertati nel tempo occorrente all’esecuzione del test molecolare.
Pertanto su tale aspetto si è accolta con soddisfazione la dichiarazione del Commissario che si pone nel soloc di una proficua collaborazioni tra le istituzioni.

Attività didattica

Sulla ripresa dell’attività didattica di presenza non si registrano concreti passi in avanti ma dichiarazioni di principio che l’Amministrazione intende sottoporre a verifica puntuale anche in considerazione dell’elevata incidenza del numero di contagi a Messina.
Con riferimento infatti al tracciamento dei contatti stretti dei soggetti contagiati ed all’attività di contact tracing, che l’ASP non ha mai avviato e che hanno messo in crisi tutto l’ambito scolastico, il Commissario Furnari ha dichiarato che l’Asp si è dotata di un nuovo software che consentirà finalmente di espletare tali attività, ma che ancora non è entrato in funzione data la pausa delle vacanze natalizie.

Allo stesso modo, per quanto riguarda l’attivazione del numero verde dedicato alle scuole, è giunta la comunicazione dell’esistenza di un numero verde 800954433 che tuttavia non è stato comunicato all’utenza e dunque non risulta essere utilizzato.
L’avv. Croce sugli aspetti relativi alla ripresa dell’attività didattica di presenza – che inizierà per gli istituti comprensivi l’8 gennaio e per gli istituti superiori l’11 gennaio – ha anticipato che domani 6 gennaio 2021 è prevista una convocazione del Comitato tecnico Scientifico al quale prenderanno parte l’Assessore La galla e l’Assessore razza e nel quale si discuterà dell’approvazione di specifici protocolli per la gestione dei contagi in ambito scolastico per ogni Provincia, tenendo conto anche dell’andamento del contagio.

Il Tavolo verrà dunque aggiornato all’esito di tale seduta del CTS non disponendo al momento di alcun elemento certo che consenta di escludere la diffusione del contagio nell’ambito scolastico o che ricorrano le condizioni per potere affermare che siano state risolte le precedenti criticità.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email